Contenuto Principale

.

COMINCIO LO SCIOPERO DELLA FAME E MI LASCIO MORIRE IN ATTESA CHE LA CANCELLERIA DEL GIUDICE AUTIZI, DOPO OLTRE UN ANNO, fingendo di non aver ricevuto gli atti, tiene congelato l'APPELLO PER FAVORIRE i MELACRINIS, permettendogli di farmi pignorare casa senza darmi la possibilità di chiederne la sospensione con l'APPELLO, che non fanno partire da Viterbo gestendo la Giustizia come fosse cosa loro.



OGGI MI È ARRIVATO UN RINVIO A GIUDIZIO IN QUALITÀ DI DIRETTORE RESPONSABILE DEL GIORNALE VITERBOTV.it.  NUOVO PROCESSO MELACRINIS. MA COME, NON MI AVEVANO SEQUESTRATO GLI ARTICOLI PERCHÉ IO NON SAREI GIORNALISTA (iscritta all'Ordine dei giornalisti dal 2001) E VITERBOTV NON SAREBBE UN GIORNALE (iscritto nello stesso Tribunale registro stampa N. 01/08) 
I GIUDICI VITERBESI RIGIRANO LA FRITTATA A SECONDA DI COME GLI FA COMODO PER FAVORIRE I MELACRINIS



--------------------


Roma, Isola Tiberina, ore 18.30. Il governatore del Lazio, Nicola Zingaretti e la dottoressa Patrizia Frittelli, primario reparto senologia, illuminano di rosa Il Fatebenefratelli
Questioni di viterbesità


















in foto la dottoressa Frittelli al Fatebenefratelli

Da oggi una nuova opportunità all'ospedale Fatebenefratelli, per le donne con sospetta neoplasia al seno: apre lo Sportello Rosa, rivolto a tutte le donne sotto i 50 e sopra i 70 anni, ossia le donne che non rientravano nei limiti di età previsti per l’accesso allo screening regionale, un servizio di diagnosi rapido e completo per donne con sospetta neoplasia mammaria, inviate dai medici di medicina generale. Obiettivo primario di un nuovo Sportello inserito nella Breast Unit, sarà l'adeguamento alle linee guida internazionali e agli indicatori stabiliti dall'European Society of Breast Cancer Specialists (Eusoma).

Nel processo di diagnosi e cura delle pazienti, la relazione di tutti gli specialisti coinvolti, sarà resa più efficace dalla collaborazione diretta con i medici di medicina generale, stabilendo un nuovo modello di gestione integrata tra Ospedale e Territorio.

Lo Sportello sarà attivo ogni venerdì, dalle 8.00 alle 11.30, senza prenotazione, sarà necessaria la prescrizione del medico di medicina generale, per la visita chirurgica senologica, e permetterà una diagnosi precoce  ed una accelerazione dei tempi di attesa per il trattamento.

Esattamente due anni fa, nell'ottobre 2014, la Breast Unit veniva istituita all'ospedale di Belcolle, a Viterbo, con la direttrice Patrizia Frittelli, oggi primario al Fatebenefratelli. Alla conferenza stampa della Asl di Viterbo, la dottoressa Frittelli, dirigente responsabile della UOD di Chirurgia Senologica, coordinatrice dell'Ambulatorio integrato di Senologia di Belcolle, che coinvolge tutte le figure professionali esordì dicendo: "Oggi per noi che abbiamo lavorato da anni con un assiduo lavoro di squadra, all'Ospedale di Belcolle, è una grande giornata". E da tali parole si poteva già evincere la grande passione che la dottoressa viterbese mette costantemente nel suo lavoro. La dottoressa è anche presidente onorario e fondatrice dell'Associazoone Beatrice Onlus con sede a Viterbo, che si occupa della diffusione della cultura della prevenzione del tumore al seno, oltre che membro del Consiglio Direttivo dell'Associazione nazionale Chirurghi Senologi Anisc.

Nel marzo 2016, poco più di un anno fa, Nicola Zingaretti, accolto calorosamente dagli operatori, visitò il Centro di Senologia dell'ospedale viterbese Belcolle, accompagnato dal direttore generale della Asl Viterbo, Daniela Donetti, e dalla dirigente responsabile del Centro, Patrizia Frittelli.

Insomma è lecito il rammarico per i viterbesi, per essersi fatti sfuggire un talento, una eccellenza in campo medico quale è la dottoressa Frittelli. La chirurgo senologa, amata dalle centinaia e centinaia di pazienti operate e curate a Viterbo, e che ora la seguono a Roma, è molto legata alla sua città, dove continua a garantire il suo apporto all'Associazione Beatrice. La dottoressa ha infatti di recente dichiarato, in occasione di una manifestazione che ha visto coinvolte oltre 500 donne viterbesi: "Beatrice c'è e ci sarà sempre, a Viterbo, a Roma, in Italia e nel mondo".

Ma revenons à nos moutons! Il direttore generale della Asl di Viterbo aveva tentato con ogni mezzo e percorso ogni possibile strada pur di non farsi scappare una fortuna del genere? Belcolle sta perdendo anche altri pezzi da novanta, oltre alla senologa, ed a rimetterci sono i viterbesi.

I viterbesi sono un popolo assai complesso, assai strano, amministrato pertanto da soggetti, anch'essi assai strani.

Sono questioni di viterbesità.

Sì, perché negli anni '70, quando a Viterbo c'erano ancora tutte le caserme militari, e ristoranti, pizzerie e alberghi potevano contare su di loro e sui loro parenti per ogni giuramento, a Viterbo c'era il coprifuoco alle 20,30 di sera, anche perché i militari avrebbero potuto disturbare le ragazze viterbesi e quindi, di conseguenza, non erano ben visti. I collegamenti con Roma, facevano acqua, ma in realtà i viterbesi hanno sempre temuto che se i romani avessero avuto la possibilità di raggiungere Viterbo in mezz'ora, ci avrebbero invaso la città ogni fine settimana, e quindi, di conseguenza, non erano ben visti. Le Terme ed ogni altro spazio turistico-ricettivo, avrebbe potuto riempirsi di turisti e di manifestazioni ed eventi chiassosi che avrebbero potuto disturbare la quiete di una città papale abituata a sonnecchiare, sin dalla notte dei tempi, sotto il "cappello del papa". L'Università avrebbe portato tanti studenti che avrebbero anch'essi disturbato le ragazze viterbesi, una sorta di tante "Belle Galiane". E poi, più recenti le paure per porti, interporti ed aeroporti, che chissà quali danni avrebbero potuto portare alla sempre sonnecchiante città.
Fortunatamente di strada ne è stata fatta, ma quella stranezza dei viterbesi è rimasta un po' nell'aria, una sorta di viterbesità, che porta a non apprezzare ciò che si ha, a farsi sfuggire le occasioni d'oro, a non agire, ma a boicottare se gli altri agiscono, a mettere la politica anche dove non dovrebbe entrare, a non saper distinguere l'interesse di pochi da quello di tutta una popolazione. Insomma Viterbo avrebbe tante eccellenze, nel 2007 furono premiati al Teatro Unione, ancora attivo, una decina di viterbesi diventati famosi nel mondo, "Viterbesi nel Mondo" e ad oggi i talenti trovano la giusta soddisfazione fuori Viterbo. Solo quando la città riuscirà a superare questi aspetti di viterbesità, potrà rendersi conto della fortuna che ha ed ha sempre avuto proprio a portata di mano.

Le eccellenze viterbesi non mancano, e quando ci sono vanno apprezzate, coccolate, corteggiate, stimate, amate e soprattutto rispettate.





La redazione di Viterbotv.it si tinge di rosa
in occasione della manifestazione "Cammina con noi"
organizzata dall'Associazione Beatrice onlus

(clikka sulla foto per vedere il video)

























------------------

Celebrato a Viterbo il Bicentenario della Fondazione del Corpo di Polizia Penitenziaria

(clikka per sulla foto per vedere il video)




















-----------------------

Viterbo 13 luglio 2017. Convenzione quadro, tra il Tribunale di Viterbo e l'Università della Tuscia, per l'attivazione tirocini di formazione e orientamento, per agevolare le scelte professionali mediante la conoscenza diretta del mondo del lavoro e realizzare momenti d'alternanza tra studio e lavoro nell'ambito dei processi formativi.
Intervengono: il rettore dell'Università della Tuscia: Alessandro Ruggieri; la presidente del Tribunale di Viterbo, Maria Rosaria Covelli e il giudice Mauro Ianigro.
Ripresa con iPhone6 di Mauro Galeotti per il quotidiano www.lacitta.eu













GRAVISSIMO ABUSO DEI GIUDICI CIALONI, MATTEI E AUTIZI solo PER ACCONTENTARE GLI AVVOCATI MELACRINIS

Oscurano e sequestrano articoli del mio giornale, perché racconto la verità sul caso Melacrinis. Unica scusa che hanno, non sarebbe la prova che ciò che scrivo non corrisponda a verità, (e ciò non darebbe comunque diritto al sequestro), ma che il mio giornale non sarebbe iscritto al ROC. Viterbotv.it non ha obbligo di iscrizione poiché la testata non supera i 100.000 euro annui di ricavo, (e neanche 1 euro), non ha sovvenzioni pubbliche e non ne ha fatto richiesta.

AGCOM:


I soggetti tenuti all'iscrizione al Registro (ai sensi dell'art. 2 della delibera 666/08/CONS)

  • Con riferimento ai periodici on line, si evidenzia che, alla luce di quanto disposto dall'art. 3-bis, comma 1, del d.lgs. 63/2012 come convertito dalla sopra indicata legge n. 103/2012, sono obbligati all'iscrizione al Registro esclusivamente le imprese che editano testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse per via telematica che:
  1. conseguano ricavi annui da attività editoriale superiori o pari a 100.000 euro (ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità, sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati) ovvero
  2. abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche.




-------------------

IL MIO LAVORO TERMINA QUI


clikka sulla foto per l'articolo




















----------------------


Festa del santissimo Salvatore, il programma dei festeggiamenti 2017

clikka sulla foto per vedere il video:















------------------------

Reportage di Viterbotv.it ad Amatrice con Francesca Nardi e Claudia Mozzetti dell'Associazione Donne di Amatrice e dintorni

Clikka sulla foto per vedere il video:






















-------------------------

Articolo 21 -
Il giudice Autizi dovrebbe imparare dal giudice Mattei

(clikka sulla foto per leggere l'articolo del collega Marco Fumarola)
























------------------------


Tutti gli articoli sul profilo fb Patrizia Patty Coppa (viterbotv.it)

Continuate a raccontarmi le vostre esperienze di ingiustizia, sarò la vostra cassa di risonanza. Non credo che riusciranno a tapparmi la bocca ancora con abusi, prepotenze, sparizioni di prove dai fascicoli, frasi tagliate ad arte ecc. Chiedo AIUTO ai GIUDICI che non mi abbandonino perché mi rivolgo a loro per avere Giustizia per me ma soprattutto per tutti voi.


QUERELE TEMERARIE = strumento di intimidazione nei confronti delle giornaliste e dei giornalisti che cercano di svolgere al meglio il proprio lavoro di informare correttamente i cittadini su quello che succede intorno a loro


COME DIFENDERSI NEI CASI DI PATROCINIO O CONSULENZA INFEDELE


.


Satura quidem
tota nostra est


La nuova rubrica di viterbotv

La Sa
Tira Tira

RACCOLTA - SATIRA
(clikka per vedere l'archivio degli articoli precedenti)

L'avvocato Remigio Sicilia si è attaccato al ROC

Dopo averci provato con la giornalista Patrizia Coppa, senza andare a segno, stavolta si è dovuto attaccare al ROC. E' accaduto che Sicilia difensore dei Melacrinis, aveva chiesto ed ottenuto il sequestro di alcuni articoli su viterbotv che riguardavano le vicende degli avvocati Melacrinis. Il difensore della Coppa aveva chiesto il dissequestro in base ad una sentenza di Cassazione (n 31022 del 29/01/15) che sancisce inequivocabilmente l'impossibilità di sequestrare gli articoli di un giornale, ma il giudice lo aveva rigettato, così il legale della Coppa era ricorso in Appello al Riesame. Sicilia, dichiarando che viterbotv non sarebbe una testata giornalstica, oltre che offendere l'immagine della giornalista Coppa, iscritta all'Ordine dei giornalisti dal 2001 e responsabile di una testata giornalistica regolarmente registrata al Tribunale di Viterbo, n. 01/08, ha chiesto la conferma del sequestro, ma non perché abbia potuto in alcun modo dimostrare la diffamazione degli articoli, cosa che andrebbe in ogni caso stabilita con una sentenza e non autorizzerebbe il sequestro, ma si è attaccato al Roc, ossia ha ritenuto che la Coppa non fosse giornalista e che la sua testata non fosse un giornale a tutti gli effetti ma un semplice blog, poiché, dice lui, non c'è editore e non ci sarebbe l'iscrizione al Roc.  Ebbene, dalla regolare registrazione in Tribunale risulta che l'editore sia proprio la Coppa, e l'iscrizione al Roc (art.3-bis comma 1 del d. lgs. 63/2012 convertito dalla Legge 103/2012) non è obbligatoria per giornale che non superino i 100.000 euro di ricavo e non abbiano fatto domanda per ottenere agevolazioni e contributi statali e che non abbiano una regolare periodicità, come per l'appunto risulta essere per viterbotv. un altro grosso buco nell'acqua per le temerarie querele dei Melacrinis difesi da Sicilia contro un giornalista che svolge il proprio lavoro, al solo scopo di metterle un bavaglio per non far uscire la verità sul caso Melacrinis.


-----------------------------

Il frullo della toga - Laura Leo presenta la docu-fiction "Donna da Tribunale"





Clikka per vedere il video


--------------------------


LA SATIRA E' UN DIRITTO SOGGETTIVO TUTELATO DALL'ART. 21 DELLA COSTITUZIONE

Ha la funzione di esercitare, con l'ironia e il sarcasmo, un controllo nei confronti dei poteri di qualunque natura (Cassazione Sezione Terza Civile n. 23314 dell'8 novembre 2007, Pres. Nicastro, Rel. Durante).

------------------------

SPECIALE CASO MELACRINIS:


Avv Melacrinis: denunciata per appropriazione indebita


Non leggono la mia denuncia, l'archiviano e poi mi condannano senza prove. Prima puntata

Il pm non legge le memorie difensive, né ascolta l'arringa della difesa, ma formula l'accusa chiedendo il massimo possibile - Seconda puntata

Si ascolta solo un testimone dell'accusa (marito della querelante) come all'Inquisizione - Terza puntata



L'avvocato fa l'istanza per il gratuito patrocinio del cliente e poi gli presenta la parcella

Rinvio a giudizio azzardato, il giudice lo nota in sentenza assolve l'imputato e denuncia

La "realtà" del pm D'Arma smentita dal giudice in sentenza



Le mie Memorie difensive saranno svantaggiose per altri. Perché non presentarle?

... e poi dicono che non metto gli avvocati in condizione di difendermi!

L'avv Delfino spiega di non essere iscritta alle liste del gratuito patrocinio

L'avv Delfino dichiara di presentarsi in udienza ma vuole essere pagata, poi presenterà rinuncia

Accade al Tribunale di Viterbo

Ordine avvocati Viterbo: battutine provocanti su facebook del presidente Luigi Sini

COME DIFENDERSI NEI CASI DI PATROCINIO O CONSULENZA INFEDELE

Arriva al Tribunale di Viterbo l'avvocato Serena Gasperini

L'avvocato Serena A. Gasperini da Roma a Viterbo per difendere la giornalista Patrizia Coppa

L'avvocato Sicilia ci prova con la giornalista Patrizia Coppa, ma non va a segno

SCIOPERO DELLA FAME IN ATTESA DI COPIE DAL TRIBUNALE

La Casta mette un bel bavaglio alla stampa

________________________________



L'avvocato d'ufficio

Dal Film "Un giorno in Pretura" (1953)



Picone: Il discepolo dissenziente di Platone. Genealogia e progressione dell'archetipo femminile PDF Stampa E-mail
Mercoledì 20 Aprile 2016 18:13
Clikka sulla foto per vedere il video

 
Video MOBILE arresto latitante Vastante PDF Stampa E-mail
Mercoledì 20 Aprile 2016 18:00
Clikka sulla foto per vedere il titolo













 
Caso Manca, Ingroia prosciolto PDF Stampa E-mail
Giovedì 07 Aprile 2016 15:48

Caso Manca, Ingroia prosciolto

VITERBO – Prosciolto Antonio Ingroia. Per l’ex sostituto procuratore di Palermo, oggi avvocato, si conclude con un non luogo a procedere l’udienza preliminare che lo vedeva alla sbarra con l’accusa di calunnia nei confronti dell’ex capo della squadra mobile viterbese Salvatore Gava.

Nel mirino, un verbale, a firma di quest’ultimo, in cui è scritto che l’urologo Attilio Manca sarebbe stato in servizio all’ospedale Belcolle nei giorni tra il 22 ottobre e il 4 novembre 2003.

Leggi tutto...
 
Adesso vi faccio vedere come la Casta SALVA un avvocato che sbaglia PDF Stampa E-mail
Domenica 13 Marzo 2016 15:05
Adesso vi faccio vedere come la Casta SALVA un avvocato che sbaglia e viene denunciato con tanto di prove documentali e testimoni:

Ho denunciato un avvocato che ha commesso errori che hanno determinato danni patrimoniali ingenti. Il pm ha chiesto l'archiviazione, senza alcuna indagine, ho presentato opposizione, ma mi è stata tappata la bocca










Il gip ha arhiviato dichiarando inammissibile l'opposizione poiché non chiesta ai senzi dell'art. 410. Io l'avevo chiesta ai senzi dell'art 410. Forse non è stata neppure letta








In udienza il giudice non mi fa parlare e assurdamente, senza neppure aver letto la mia opposizione ai senzi del 410, scrive che è inammissibile perché non avrei fatto riferimento al 410 (sic)








Dopo solo 3 giorni lavorativi emette decreto di archiviazione, quando lo stesso giudice è stato condannato in Cassazione perché impiegava oltre DUE anni per emettere sentenze in ben 20 procedimenti...








ECCO COME FA LA CASTA A SALVARE UN AVVOCATO CHE SBAGLIA E CON I SUI ERRORI PROVOCA DANNI DI OLTRE 200.000 EURO AL PROPRIO CLIENTE DOPO AVER INCASSATO UNA PARCELLA DI CIRCA 20,000 EURO!

 
Zingaretti incontra a Belcolle gli operatori sanitari e i giornalisti PDF Stampa E-mail
Mercoledì 09 Marzo 2016 18:24
Clikka sulla foto per vedere il video

 
Confartigianato "Degustando la Pasqua" VI Edizione 11-12-13 Marzo 2016 PDF Stampa E-mail
Mercoledì 09 Marzo 2016 16:28
Clikka sulla foto pe vedere il video

 
La Biblioteca Consorziale di Viterbo è polo culturale di eccellenza della Regione Lazio e non solo. PDF Stampa E-mail
Giovedì 03 Marzo 2016 12:35
Clikka sulla foto per vedere il video

 
Risultati dell’ultima indagine congiunturale della Federlazio, secondo semestre 2015 PDF Stampa E-mail
Martedì 01 Marzo 2016 12:28
Clikka sulla foto per vedere il video

 
Ai nostri microfoni l'avvocato Enrico Valentini parla del ragazzo maltrattato dalla professoressa PDF Stampa E-mail
Venerdì 26 Febbraio 2016 12:55
Ai nostri microfoni l'avvocato Enrico Valentini parla del ragazzo maltrattato dalla professoressa


Clikka sulla foto per vedere il video

 
Genio e Sregolatezza, un processo tutto da rifare PDF Stampa E-mail
Martedì 23 Febbraio 2016 18:44

VITERBO – Mesi e mesi di udienze ormai inutili. Decine di testimoni da riascoltare. Intercettazioni da trascrivere da capo. Tutto da rifare. Dal nulla. Il rimpasto del Collegio di Giudici, dopo il trasferimento del Dott. Eugenio Turco, ha prodotto, sul maxi processo ‘Genio e Sregolatezza’, i risultati insperati, ma alquanto scontati.

Il fantasma dell’ ’inutilizzabilità degli atti’ si è infatti abbattuto, in pieno, su più di due anni di udienze, ora buttati al vento.  In altre parole, tutti gli atti, le testimonianze, le versioni raccolte nel corso dei precedenti incontri non potranno essere utilizzate o lette dai Giudici che compongono il nuovo Collegio: il processo riprenderà il 22 marzo con la convocazione dei primi testi del Pubblico Ministero. Poi altre udienze, già fissate, fino alla fine dell’anno. Otto in tutto, per tentare di recuperare il tempo perduto.

“Genio e Sregolatezza” esplose nel 2012, quando, a seguito di indagini condotte dalla Forestale, finirono in manette 13 persone per corruzione e turbativa d’asta. Sarebbero state tutte, a vario titolo, coinvolte all’interno di un sistema di tangenti e mazzette, ben organizzato e radicato, per favorire un ristretto numero d’imprese del territorio.

Principali indagati i due funzionari del Genio Civile, Roberto Lanzi e Gabriella Annesi, accusati di intascare tangenti in cambio di appalti e favori ad un oligopolio di imprenditori.

 
Il quadro con l'immagine del cardinale della Rovere ritorna a Villa Lante di Bagnaia PDF Stampa E-mail
Sabato 13 Febbraio 2016 04:23
Clikka sulla foto per vedere il video

 
IL PROFESSOR FOTOCOPIA PDF Stampa E-mail
Giovedì 11 Febbraio 2016 19:46

IL PROFESSOR FOTOCOPIA

Al Tribunale di Viterbo c'è un perito calligrafico che è bravo, bravissimo, eccezionale, di grande fama, tutti lo vogliono, è conteso fino allo sfinimento, un vero luminare, un mostro, un professore, detto "il professor fotocopia"... E' così bravo, ma così bravo che riesce a capire la pressione sul foglio del documento da esaminare, vergato dall'indagato... da una semplice fotocopia! Sissignori, un vero genio, un caso unico in Italia!

Ma il vero dramma non è mica lui, no, è il magistrato che lo sta ad ascoltare ed utilizza la perizia per tentare di chiudere un procedimento, che guarda un po' il caso, alle volte, è difeso da un avvocato che è conosciuto come il barone dei baroni degli avvocati di un piccolo Tribunale di Provincia, dove, evidentemente, è facile certificare la pressione su un foglio anche da una fotocopia.

In foto gli stratosferici strumenti del professor fotocopia

 

 

Leggi tutto...
 
Francesco Moltoni detto Chicco, consigliere comunale rinuncia all'offerta di un assessorato PDF Stampa E-mail
Mercoledì 10 Febbraio 2016 07:35
Clikka sulla foto per vedere il video



 
Giuramento solenne per il 18° Corso Allievi Marescialli dell’Aeronautica Militare PDF Stampa E-mail
Mercoledì 20 Aprile 2016 18:08
Clikka sulla foto per vedere il video

 
Incontro con il ministro della Difesa, Roberta Pinotti, con gli studenti viterbesi PDF Stampa E-mail
Venerdì 08 Aprile 2016 12:11
Clikka sulla foto per vedere il video

 
Sergio Grasso, antropologo alimentare, a Vinum, la Storia del Vino nell'Italia Antica PDF Stampa E-mail
Sabato 02 Aprile 2016 08:43
Clikka sulla foto per vedere il video


 
SCIOPERO DELLA FAME IN ATTESA DI COPIE DAL TRIBUNALE PDF Stampa E-mail
Venerdì 11 Marzo 2016 15:30
Dal 29 maggio 2015 sono in attesa di copie richieste all'ufficio del gip, ma la solerte cancelliera Manuela Negro, ci riferisce sempre che il giudice non ha ancora autorizzato le copie. Non credendo che possa essere vero, comincio lo scipero della fame in attesa di avere le copie richieste, perché lo scopo di tale tanto ritardo è solo quello di mandare in prescrizione il reato commesso dall'indagato, difeso dall'avvocato Barili
 
Paolo Pelliccia, Commissario straordinario Consorzio biblioteche, presenta "Visioni di Sabato" PDF Stampa E-mail
Mercoledì 09 Marzo 2016 16:36
Clikka sulla foto per vedere il video

 
Doppia assoluzione per il collega Paolo Gianlorenzo PDF Stampa E-mail
Mercoledì 09 Marzo 2016 13:11
QUERELE TEMERARIE = strumento di intimidazione nei confronti delle giornaliste e dei giornalisti che cercano di svolgere al meglio il proprio lavoro di informare correttamente i cittadini su quello che succede intorno a loro


Doppia assoluzione per il collega Paolo Gianlorenzo
direttore di Etrurianews.it. Doppia assoluzione poiché il fatto non costituisce reato.
La maxi inchiesta che ha portato al processo per le tangenti Asl, si deve al lavoro di indagine giornalistica di Paolo Gianlorenzo, altro che diffamazione nei confronti dell'ex dg Giuseppe Aloisio e del super consulente Mauro Paoloni.




 
Il Giallo a scuola con l'Associazione Mariano Romiti, tutti poliziotti della Questura di Viterbo PDF Stampa E-mail
Giovedì 03 Marzo 2016 12:26
Clikka sulla foto per vedere il video

 
PROCESSO SANITOPOLI - PARLA "L'UOMO NERO" PDF Stampa E-mail
Lunedì 29 Febbraio 2016 13:04
PROCESSO SANITOPOLI - PARLA "L'UOMO NERO"

COSì SI AUTODEFINISCE PAOLONI

VITERBO – Sanitopoli, la parola passa agli imputati: a rompere il ghiaccio, in aula, è Mauro Paoloni, braccio destro dell’ex direttore generale della Asl viterbese Aloisio.

Paoloni si è molto soffermato a ribadire di aver avuto rapporti soltanto con il suo diretto referente, il direttore generale Aloisio, non parlava mai con nessuno, neppure nei corridoi, tanto da essere definito "l'uomo nero".

Più di tre ore di domande e risposte, nel corso di un esame che ha ripercorso gli aspetti più controversi del processo: dall’appalto pubblico, poi trasformatosi in procedura negoziata, per il servizio di lavanderia e sterilizzazione alla scuola d’arte per disabili Aureart. Dalla creazione della Cittadella della Salute all’analisi di tutti i saldi e movimenti contabili dei libretti al portatore di proprietà di Paoloni. Passando, poi, per la bufera esplosa nel corso della scorsa udienza di gennaio in cui Gorgoni denunciò di come, per fare carriera all’interno dell’azienda sanitaria, bisognasse imparentarsi con dei partiti politici. Uno in particolare, quello della Margherita, quello che faceva riferimento ad Aloisio.

Nessuna emozione, nessun timore. Tanta voglia di riscatto e di fare luce sulla burrascosa vicenda che lo ha portato, nel gennaio del 2009, a dimettersi e “a non accettare più alcun tipo di incarico all’interno della pubblica amministrazione, nonostante mi vengano fatte continue offerte di lavoro”. E’ un Paoloni pronto a mostrare documenti e a esibire le prove delle sue capacità. Un consulente strategico sicuro della sua professionalità e buona fede.

“La mia ex moglie ha lavorato presso il centro artistico ricreativo per disabili Aureart – finanziato dalla Asl - ma sono sempre stato contrario a questa sua occupazione: avrei preferito che andasse a lavorare nella scuola pubblica, avendo anni prima vinto un concorso.  La lasciai fare: all’epoca eravamo già in crisi matrimoniale, non volevo creare altri motivi di scontro.”, ha specificato Paoloni, difendendosi dall’accusa di abuso d’ufficio. Secondo i Pm, infatti, è grazie alla sua posizione all’interno della Asl che avrebbe procurato il posto di lavoro alla moglie. Ma lui smentisce categoricamente e torna a sottolineare come il suo operato riguardasse in maniera esclusiva il bene dell’azienda sanitaria.

“Quando siamo arrivati ai vertici della Asl, io e l’allora dg Aloisio abbiamo dovuto attuare delle modifiche sostanziali nella gestione e nell’organizzazione della struttura.”, ha sottolineato. L’eredità raccolta era tutt’altro che rosea: due gli esempi eclatanti “di sprechi e disorganizzazione”.

“Gli uffici amministrativi aziendali si trovavano a Viale Trento, mentre la sede della direzione a Piazza del Duomo: oltre alle spese inutili (ed altissime) per gli affitti dei vari siti, si sentiva forte la necessità di accentrare i vari organi dell’azienda. Creammo quindi la Cittadella della Salute, in attesa che si concludessero i lavori del nuovo padiglione di Belcolle.”.

Padiglione che si trova, ancora oggi, in fase di cantiere: “Potremmo avere una Asl indipendente, un’unica struttura che accolga pazienti, dirigenti e amministrazione: ma è un sogno che non si realizzerà.”.

Un direttore generale, dunque, che, assieme al suo consulente strategico, avrebbe dato un nuovo volto alla malmessa Asl locale, riorganizzandola e razionalizzandola.

E cosa avrebbe sbagliato Paoloni della sua missione? “Ho fatto tutto quello che mi era possibile. Me ne sono andato dopo aver dimezzato le uscite della Asl e massimizzato le risorse che la Regione ci metteva a disposizione, nonostante, di anno in anno, diminuissero.”.

 
GRUPPI DI MONITORAGGIO PDF Stampa E-mail
Giovedì 25 Febbraio 2016 13:14

GRUPPI DI MONITORAGGIO

Ci scrive Gioventù Nazionale VITERBO e volentieri pubblichiamo

Apprendiamo sconcertati dagli organi di stampa, dell'ennesima aggressione avvenuta nel centro di Viterbo, questa volta ai danni di quattro minorenni aggrediti con spray al peperoncino e derubati.
Non è la prima volta purtroppo che Viterbo è al centro di dibattiti che riguardano la sicurezza, ma parlarne non è servito a nulla e forse questo qualcuno non l'ha ancora capito, servono i fatti e servono subito. Un genitore che manda fuori casa il figlio, lo deve fare in piena tranquillità senza la paura che avvenga qualcosa di spiacevole, e a sua volta il figlio deve uscire in piena serenità senza dover per forza guardarsi intorno ad ogni passo. Visto l'assordante silenzio delle istituzioni sulla vicenda, Gioventù Nazionale chiede maggiore presenza delle forze dell'ordine per le vie del centro storico, che da troppo tempo, ormai, è lo squallido teatro dello spaccio a cielo aperto e delle più infami nefandezze, da ultimo anche verso quattro ragazzi minorenni indifesi.
Per questo Gioventù Nazionale vuole proporre e portare avanti l'idea di " gruppi di monitoraggio ", fatto da giovani o da chi comunque ha a cuore la sicurezza della nostra città, monitorando le vie del centro e le piazze in modo da poter se non proprio prevenire questi atti, almeno denunciarli subito in modo da garantire un tempestivo intervento.
 
“Dallo Smart Building alla Smart City” PDF Stampa E-mail
Mercoledì 17 Febbraio 2016 17:28

Workshop organizzato dalla Orsolini spa all’Università della Tuscia

“DALLO SMART BUILDING ALLA SMART CITY” è il titolo del seminario, promosso dall’azienda Orsolini Amedeo spa, in programma venerdì 19 febbraio p.v., alle ore 15.00 presso il Rettorato dell’Università degli Studi della Tuscia (Via Santa Maria in Gradi – Viterbo).

Un workshop cui hanno aderito Enti locali, Associazioni di categoria, tra cui Federlazio, ed ordini professionali, che vedrà la partecipazione di docenti universitari, nonché esperti ed operatori del mondo dell’edilizia e dei principali settori collegati. L’iniziativa ha lo scopo di individuare e definire strumenti innovativi per realizzare una moderna progettazione edilizia ed impiantistica ed è ispirata all’efficienza energetica, all’architettura solare passiva e attiva.

Leggi tutto...
 
35° anniversario dell’istituzione del CPFP “Scuola Alberghiera PDF Stampa E-mail
Venerdì 12 Febbraio 2016 06:23
VIDEO:

1 - Claudio Sarti interviene al 35° anniversario dell’istituzione del CPFP “Scuola Alberghiera”

2 - Claudio Sarti interviene al 35° anniversario dell’istituzione del CPFP “Scuola Alberghiera”

3 - Claudio Sarti interviene al 35° anniversario dell’istituzione del CPFP “Scuola Alberghiera”

4 - Premiazione allievi qualificati. 35° anniversario dell’istituzione del CPFP “Scuola Alberghiera”


5 - Chef e alunni in cucina. 35° anniversario dell’istituzione del CPFP “Scuola Alberghiera”


 
L'assessore al contenzioso, Giacomo Barelli, aggiorna sulla situazione del Teatro Cinema del Genio PDF Stampa E-mail
Giovedì 11 Febbraio 2016 10:33
Clikka sulla foto per vedere il video

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 2 di 37