Contenuto Principale

.

VIDEO - 12 novembre 2010 Ilaria Cucchi a Viterbo al Salotto delle Sei

"E' un delitto di Stato perché mio fratello è morto mentre si trovava sotto la tutela dello Stato, dei suoi rappresentantied. E' morto in condizioni disumane."
Quanti anni ci sono voluti per avere Giustizia


(clikka sulla foto per vedere il video ed ascoltare Ilaria Cucchi).





























----------------------------------

LA PROCURA INDAGA 4 FURBETTI E SCOPRE DURANTE LE INDAGINI DEI CARABINIERI UNA DEDIZIONE AL LAVORO DI TANTI OPERATORI SANITARI CHE FANNO PIU' DEL LORO DOVERE NELLA PIENA
CONSAPEVOLEZZA DELL'IMPORTANZA DEL LORO LAVORO. LA PROCURA HA FATTO CENTRO. SOSPESI I 4 FURBETTI DAL GIP DI VITERBO SORPRESI IN ATTIVITA' PRIVATE DURANTE LE ORE DI LAVORO...

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

-------------------------------------------------

Terrorismo e stalking giudiziario. Un bavaglio alla stampa... o forse no

Oscurare articoli di giornale che riportano verità è terrorismo giudiziario mafioso per intimidire il giornalista. Se fatto con Atti contro sentenze Cassazione SSUU che lo vietano senza neanche minimamente dimostrare che non sia vero ciò che viene scritto, o forse proprio perché sia vero... è uno stupro a chi lavora con onestà e crede e si rivolge alla Giustizia ma è tradito da chi dovrebbe amministrarla. E' un gravissimo abuso di alcuni pm e giudici per favorire un avvocato che ha sbagliato ma deve essere coperto.

Decine di segnalazioni all'Ordine degli avvocati, denunce in Procura, opposizioni a richieste d'archiviazione: tutto messo a tacere. Oscurati articoli giornalistici che potevano smascherare un sistema di poteri forti, una fitta trama di privilegi, concessioni, benefici, immunità. Avvocati inattaccabili, intoccabili, ingiudicabili, la Casta li difende, li copre, li favorisce, imbavagliando la stampa.
Avvocati che si definiscono, a propria discolpa accusando chi li smaschera, "appartenenti alle più importanti famiglie forensi viterbesi", che svolgono "attività di Avvocato (A maiuscola, sic) nello studio legale che è anche del padre e fu del nonno!, (punto esclamativo, sic) appartenendo quindi ad una famiglia molto nota nel Viterbese, in particolare nell'ambito forense". "Infine domandiamo alla signora Patrizia Coppa se si rende conto del costo che le comporterà aver infangato l'onorabilità di professionisti!!!!". (sic. Stavolta ben quattro punti esclamativi, ndr).

Ma infangare l'onorabilità di un avvocato, vuol dire svolgere il proprio lavoro e raccontare la realtà? E per questo si deve anche pagare? E se ti scontri con un avvocato che aveva il padre ed il nonno avvocato, ti devi rassegnare  perché non hai diritti? La legge è uguale per tutti... quelli che appartengono alla Casta.

Tutto ciò accadeva al Tribunale di Viterbo. Quando si osava scrivere su avvocati che commettevano reati o giudici che li coprivano, si veniva messi al rogo. diffamazione e tritacarne nei corridoi del Palazzo di Giustizia, nelle chat degli "avvocati viterbesi" e voci dei "castisti" che arrivando ai giudici riuscivano ad influenzarli a proprio piacimento . Seguivano Processi farsa e condanne con pignoramenti del patrimonio del giornalista, perquisizioni in casa e raffiche di rinvii a giudizio senza alcuna attività ed indagine panale, così sulla parola degli apparteneti alla Casta.

Ma noi di Viterbotv, abbiamo sempre denunciato una simile ingiustizia, ritenendo che gli avvocati che sbagliano, siano uomini come tutti gli altri, e vadano giudicati ed eventualmente condannati, come tutti gli altri. I giudici che li aiutano, sono uomini che si lasciano corrompere o influenzare da chiacchiere di corridoio. Ma la Giustizia c'è, la Legge c'è, erano gli uomini che di volta in volta la amministravano che potevano essere collusi. E finalmente un cambiamento c'è stato, proprio perché non tutti gli uomini sono uguali e alla fine, con i recenti cambiamenti e sostituzioni di giudici e procuratori, qualcuno si è accorto di cosa stava accadendo ed ha riportato un certo equilibrio. Vero. Onesto. Responsabile. In una parola, Giusto.
Denunciare a Roma in Appello, ciò che accadeva a Viterbo ed essere ascoltati e vincere era facile, estremamente facile, abbiamo ascoltato avvocati che impostavano le cause solo in funzione dell'Appello, ma ottenere Giustizia a Viterbo sarebbe stato ancora più bello. e ci siamo riusciti, o almeno abbiamo iniziato.


---------------------------

Donne in Opera 2018

“Sono di Viterbo, ho frequentato il Liceo e mi sono formata qui, adesso ho realizzato il mio sogno di diventare magistrato”. Il Sostituto Procuratore della Repubblica Paola Conti, si racconta e consiglia le giovani donne viterbesi esortandole a lavorare perché solo così saranno donne libere.

(clikka sulla foto per vedere il video)






















(in foto il Sostituto Procuratore della Repubblica Paola Conti)

-------------------



Viterbotv.it sta per cambiare look, a breve la nuova veste grafica


Viterbotv.it
negli anni 2008-2018

I nostri collaboratori:

Paola Pucciatti
cronaca giudiziaria (2016),

Annamaria Lupi interviste video (2012),

Barbara Bianchi rassegna stampa e cronaca giudiziaria (2016),

Mauro Galeotti
video e cultura (2008-2018)



(clikka sul titolo per vedere il video o l'articolo)
Giallo di Gradoli, parte il processo d’appello PDF Stampa E-mail
Mercoledì 23 Maggio 2012 16:05

Di Paola Pucciatti


-----------------------

No all'Italia senza Province PDF Stampa E-mail
Martedì 31 Gennaio 2012 21:37
Di Annamaria Lupi


----------------------

Rassegna stampa del quotidiano www.viterbotv.it del 1° aprile 2016

con Barbara Bianchi

























Rassegna stampa del quotidiano www.viterbotv.it del 12 maggio 2016


con Barbara Bianchi

























------------------------------



Viterbo CRONACA INQUIETA, MOLTO INQUIETA Sei bello, alto, anche troppo alto, fiero, possente, hai una presenza da cardinale, ma non parli, lasci che tutto scorra, che tutto passi
Mauro Galeotti

Lino Fumagalli, vescovo di Viterbo

Caro Lino, togliamo il signore, il don, il monsignore, l'eccellenza e dintorni, tutti fronzoli che non servono a nulla, parliamoci tu per tu, da uomo a uomo, ma a te quanto interessa la nostra santa Rosa?

Non sento la tua voce, né a destra, né a sinistra, cerco leggo di qua e di là, ma la tua voce non la sento.

Mi sai dire quanto valgono le parole che reciti con tanta enfasi, quando il reliquiario col cuore di santa Rosa esce dal Duomo?

Ti vedo lassù in cima alla scala che conduce alla Cattedrale, e parli, e parli e parli, devo dire anche bene, sei molto bravo, riesci ad entrare nei nostri cuori, sì sei davvero bravo a esaltare Rosa di Viterbo, la bambina prodigio.

Poi durante l'anno più nulla e più nulla in questo momento così delicato per santa Rosa e le suore che l'hanno custodita per secoli e secoli e tu... stai zitto?

Ora che dovresti parlare, stai zitto?

Sei bello, alto, anche troppo alto, fiero, possente, hai una presenza da cardinale, ma non parli, lasci che tutto scorra, che tutto passi.








------------------------



Giudice Colonnello oggi in aula avvisa gli avvocati: “Da oggi per le vostre assenze ingiustificate e ripetute TOLLERANZA ZERO!”.
Finalmente un giudice che mette in riga gli avvocati.
Il giudice ha segnalato un professionista assente per la quarta volta, al Presidente dell’Ordine degli avvocati di Viterbo ed alla commissione disciplinare di Roma, nonché al Presidente del tribunale di Viterbo. È accaduto oggi in Tribunale, e subito un gruppetto di avvocati ha fatto “comunella” con il loro presidente avv Sini. Stavolta però la segnalazione è andata a Roma e li, come hanno commentato gli stessi avvocati presente, le cose sono diverse (per non ripetere le stesse parole un po’ più forti, ma facilmente immaginabili) e non ci si salva ricorrendo sotto la gonnella del Presidente.
Grande giudice che comincia a sconvolgere le acque stagnanti di una Casta che si difende da sola. Si proprio così perché ogni volta che un cittadino fa una segnalazione, l’Ordine fa quadrato attorno all’avvocato segnalato, anche perché a giudicare sono sempre loro.












.


Satura quidem
tota nostra est


La nuova rubrica di viterbotv

La Sa
Tira Tira

RACCOLTA - SATIRA
(clikka per vedere l'archivio degli articoli precedenti)

Il DIRITTO DI SATIRA

Saldamente ancorata ad una tradizione millenaria, la satira costituisce la più graffiante delle manifestazioni artistiche. Basata su sarcasmo, ironia, trasgressione, dissacrazione e paradosso, verte preferibilmente su temi di attualità, scegliendo come bersaglio privilegiato i potenti di turno. Anzi, più in alto si colloca il destinatario del messaggio satirico, maggiore è l'interesse manifestato dal pubblico.

Essendo una forma dell'arte, il diritto di satira trova riconoscimento nell'art. 33 Cost., che sancisce la libertà  dell'arte. Ma è una forma dell'arte particolare. Il contenuto tipico del messaggio satirico è lo sbeffeggiamento del suo destinatario, che viene collocato in una dimensione spesso grottesca. La satira mette alla berlina il personaggio al di sopra di tutti, l'intoccabile per definizione. Esalta i difetti dell'uomo pubblico ponendolo sullo stesso piano dell'uomo medio. Da questo punto di vista, la satira è un formidabile veicolo di democrazia, perché diventa applicazione del principio di uguaglianza. Non a caso è tollerata persino nei sistemi autoritari, fortemente motivati a mostrare il volto "umano" del regime.


Terrorismo e stalking giudiziario. Un bavaglio alla stampa, o forse no PDF Stampa E-mail
Mercoledì 10 Ottobre 2018 05:40
Terrorismo e stalking giudiziario. Un bavaglio alla stampa... o forse no

Oscurare articoli di giornale che riportano verità è terrorismo giudiziario mafioso per intimidire il giornalista. Se fatto con Atti contro sentenze Cassazione SSUU che lo vietano senza neanche minimamente dimostrare che non sia vero ciò che viene scritto, o forse proprio perché sia vero... è uno stupro a chi lavora con onestà e crede e si rivolge alla Giustizia ma è tradito da chi dovrebbe amministrarla. E' un gravissimo abuso di alcuni pm e giudici per favorire un avvocato che ha sbagliato ma deve essere coperto.

Decine di segnalazioni all'Ordine degli avvocati, denunce in Procura, opposizioni a richieste d'archiviazione: tutto messo a tacere. Oscurati articoli giornalistici che potevano smascherare un sistema di poteri forti, una fitta trama di privilegi, concessioni, benefici, immunità. Avvocati inattaccabili, intoccabili, ingiudicabili, la Casta li difende, li copre, li favorisce, imbavagliando la stampa.
Avvocati che si definiscono, a propria discolpa accusando chi li smaschera, "appartenenti alle più importanti famiglie forensi viterbesi", che svolgono "attività di Avvocato (A maiuscola, sic) nello studio legale che è anche del padre e fu del nonno!, (punto esclamativo, sic) appartenendo quindi ad una famiglia molto nota nel Viterbese, in particolare nell'ambito forense". "Infine domandiamo alla signora Patrizia Coppa se si rende conto del costo che le comporterà aver infangato l'onorabilità di professionisti!!!!". (sic. Stavolta ben quattro punti esclamativi, ndr).


Ma infangare l'onorabilità di un avvocato, vuol dire svolgere il proprio lavoro e raccontare la realtà? E per questo si deve anche pagare? E se ti scontri con un avvocato che aveva il padre ed il nonno avvocato, ti devi rassegnare  perché non hai diritti? La legge è uguale per tutti... quelli che appartengono alla Casta.

Tutto ciò accadeva al Tribunale di Viterbo. Quando si osava scrivere su avvocati che commettevano reati o giudici che li coprivano, si veniva messi al rogo. diffamazione e tritacarne nei corridoi del Palazzo di Giustizia, nelle chat degli "avvocati viterbesi" e voci dei "castisti" che arrivando ai giudici riuscivano ad influenzarli a proprio piacimento . Seguivano Processi farsa e condanne con pignoramenti del patrimonio del giornalista, perquisizioni in casa e raffiche di rinvii a giudizio senza alcuna attività ed indagine panale, così sulla parola degli apparteneti alla Casta.

Ma noi di Viterbotv, abbiamo sempre denunciato una simile ingiustizia, ritenendo che gli avvocati che sbagliano, siano uomini come tutti gli altri, e vadano giudicati ed eventualmente condannati, come tutti gli altri. I giudici che li aiutano, sono uomini che si lasciano corrompere o influenzare da chiacchiere di corridoio. Ma la Giustizia c'è, la Legge c'è, erano gli uomini che di volta in volta la amministravano che potevano essere collusi.

E finalmente un cambiamento c'è stato, proprio perché non tutti gli uomini sono uguali e alla fine, con i recenti cambiamenti e sostituzioni di giudici e procuratori, qualcuno si è accorto di cosa stava accadendo ed ha riportato un certo equilibrio. Vero. Onesto. Responsabile. In una parola, Giusto. Denunciare a Roma in Appello, ciò che accadeva a Viterbo ed essere ascoltati e vincere era facile, estremamente facile, abbiamo ascoltato avvocati che impostavano le cause solo in funzione dell'Appello, ma ottenere Giustizia a Viterbo sarebbe stato ancora più bello. e ci siamo riusciti, o almeno abbiamo iniziato.





 
Terrorismo giudiziario PDF Stampa E-mail
Mercoledì 05 Settembre 2018 06:58
Quando la realtà supera la fantasia:
OSCURARE articoli di giornale che riportano verità è TERRORISMO GIUDIZIARIO MAFIOSO per INTIMIDIRE il giornalista. Se fatto con Atti contro sentenze Cassazione SSUU che lo vietano senza neanche minimamente dimostrare che non sia vero ciò che viene scritto, o forse proprio perché sia vero... è uno stupro a chi lavora con onestà e crede e si rivolge alla Giustizia ma è tradito da chi dovrebbe amministrarla
GRAVISSIMO ABUSO DEL PM SIDDI E DEL GIUDICE RIGATO PER FAVORIRE UN AVVOCATO CHE HA SBAGLIATO MA DEVE ESSERE COPERTO. L'AVVOCATO CAMILLI HA CHIESTO ED OTTENUTO IN TEMPI RECORD L'OSCURAMENTO DELL'ARTICOLO CHE METTEVA IN LUCE LO SCANDALO DEI REATI COMMESSI. MA PER FARLO PM E GIUDICE FINGONO DI NON CONOSCERE LA SENTENZA DI CASSAZIONE A SEZIONI UNITE CHE LO VIETA:
















 
L'avvocato Remigio Sicilia si è attaccato al ROC PDF Stampa E-mail
Giovedì 06 Luglio 2017 06:55
Dalla rubrica "La SaTira Tira"

Dopo averci provato con la giornalista Patrizia Coppa, senza andare a segno, stavolta si è dovuto attaccare al ROC.

E' accaduto che Sicilia difensore dei Melacrinis, aveva chiesto ed ottenuto il sequestro di alcuni articoli su viterbotv che riguardavano le vicende degli avvocati Melacrinis. Il difensore della Coppa aveva chiesto il dissequestro in base ad una sentenza di Cassazione (n 31022 del 29/01/15) che sancisce inequivocabilmente l'impossibilità di sequestrare gli articoli di un giornale, ma il giudice lo aveva rigettato, così il legale della Coppa era ricorso in Appello al Riesame.

Sicilia, dichiarando che viterbotv non sarebbe una testata giornalstica, oltre che offendere l'immagine della giornalista Coppa, iscritta all'Ordine dei giornalisti dal 2001 e responsabile di una testata giornalistica regolarmente registrata al Tribunale di Viterbo, n. 01/08, ha chiesto la conferma del sequestro, ma non perché abbia potuto in alcun modo dimostrare la diffamazione degli articoli, cosa che andrebbe in ogni caso stabilita con una sentenza e non autorizzerebbe il sequestro, ma si è attaccato al Roc, ossia ha ritenuto che la Coppa non fosse giornalista e che la sua testata non fosse un giornale a tutti gli effetti ma un semplice blog, poiché, dice lui, non c'è editore e non ci sarebbe l'iscrizione al Roc.

Ebbene, dalla regolare registrazione in Tribunale risulta che l'editore sia proprio la Coppa, e l'iscrizione al Roc (art.3-bis comma 1 del d. lgs. 63/2012 convertito dalla Legge 103/2012) non è obbligatoria per giornale che non superino i 100.000 euro di ricavo e non abbiano fatto domanda per ottenere agevolazioni e contributi statali e che non abbiano una regolare periodicità, come per l'appunto risulta essere per viterbotv. un altro grosso buco nell'acqua per le temerarie querele dei Melacrinis difesi da Sicilia contro un giornalista che svolge il proprio lavoro, al solo scopo di metterle un bavaglio per non far uscire la verità sul caso Melacrinis.
 
IL MIO LAVORO TERMINA QUI PDF Stampa E-mail
Mercoledì 07 Giugno 2017 02:28


IL MIO LAVORO TERMINA QUI
Tanti lettori mi scrivevano raccontandomi di aver subìto gravi ingiustizie al Tribunale di Viterbo, dicendomi di aver trovato la forza di andare avanti dopo aver letto i miei articoli sulle mie battaglie contro i poteri della Casta. Oggi, avendo vissuto in prima persona l'impossibilità di contrastare questi imbroglioni potenti in toga, sia magistrati che avvocati, dico a tutti di non cercare Giustizia, di evitarli il più possibile e di non rivolgersi agli avvocati, perché gestiscono essi stessi tutto il sistema. Avere la fortuna di trovarne uno onesto non vale la pena di sprecare tempo e denaro. In coscienza non mi sento di consigliare a nessuno che abbia ragione di cercare Giustizia. NON C'È NULLA DA FARE. Cercare altre strade, se si ha ragione, ma non avvocati e giudici.

Se al contrario si ha torto, allora conviene accordarsi con gli uomini della Casta, che nel torto si muovono ed inciuciano bene.

Purtroppo è il consiglio più onesto, seppur sofferto, che mi sento di dare. Da giornalista ho visto da vicino una realtà sconcertante e quanto ne siano avvinghiati tutti i leccaculo, il termine seppur osceno è questo, che pur essendo onesti, cercano consensi per ottenere qualche piccolo vantaggio, e sopravvivere in uno stato generale di letame solo per non esserne travolti. Ho visto da vicino come si accaniscano i potenti contro chi vorrebbe giustizia, colpendolo, isolandolo e facendogli terra bruciata, poiché loro sono tanti, potenti, hanno a disposizione tutti i mezzi che noi stessi paghiamo, e soprattutto gestiscono la giustizia come cosa loro.

Il mio lavoro termina qui. Ciò che potevo portare a conoscenza di tutti, l'ho fatto, pubblicando tutta la realtà di ciò che accade dentro il Tribunale di Viterbo. Il mio scopo è stato raggiunto.
 
Oltre sette anni d’inferno e il caso del finanziere si sgonfia nel cassetto PDF Stampa E-mail
Venerdì 17 Febbraio 2017 12:19

Oltre sette anni d’inferno e il caso del finanziere si sgonfia nel cassetto



Quando la decadenza dei termini restituisce la vita, ma non la soddisfazione.
E’ facile mettere alla gogna sulla stampa un rappresentante delle forze dell’ordine, accusato e mediaticamente svergognato senza attendere l’esito delle indagini.

Certo, la notizia dell’imputazione crea audience, aumenta la vendita dei giornali, appassiona i lettori, i siti online possono rivendersi i numeri degli accessi per procurarsi pubblicità. Così va il mondo. Ma quando poi il pallone si sgonfia, quando la lungaggine delle indagini lascia presumere dubbi o scarsità di materiale a sostegno dei capi d’imputazione, quando le prove iniziali non producono alcun provvedimento dopo tanti anni d’indagini, aule e rinvii, ecco che il caso non fa più notizia e si liquida cercando ancora una volta di indurre il lettore a un pensiero di colpevolezza rimasta impunita.

Leggi tutto...
 
H&M ha aperto a Viterbo PDF Stampa E-mail
Giovedì 17 Novembre 2016 19:05
Clikka sulla foto per vedere il video

 
Presentazione del Calendario dell'Arma dei Carabinieri 2017 PDF Stampa E-mail
Giovedì 10 Novembre 2016 08:54
Clikka sulla foto per vedere il video

 
Il sindaco Michelini: "Misure precauzionali" PDF Stampa E-mail
Domenica 30 Ottobre 2016 19:41

TERREMOTO, SCUOLE CHIUSE DOMANI 31 OTTOBRE. PREDISPOSTE MISURE DI SICUREZZA IN CASO DI EMERGENZA
Il sindaco Michelini: "Misure precauzionali"

Domani, lunedì 31 ottobre, le scuole di ogni ordine e grado del territorio comunale, compresi gli asili nido, comunali e convenzionati, resteranno chiuse. Lo ha stabilito con apposita ordinanza (n. 178 del 30/10/2016) il sindaco Leonardo Michelini, nel rispetto della nota divulgata dal tavolo di coordinamento per la sicurezza, tenutosi questa mattina presso il comando provinciale dei Vigili del Fuoco, a seguito della scossa di terremoto, con magnitudo 6,5, che ha colpito nuovamente il centro Italia e che è stata avvertita anche a Viterbo. La chiusura delle scuole consentirà di effettuare le opportune verifiche su edifici pubblici. Nella stessa ordinanza siglata dal sindaco è stata estesa la chiusura a Palazzo Donna Olimpia di via San Pietro per consentire gli opportuni controlli.
La nota con le misure preventive e precauzionali divulgata nell'odierna riunione è rivolta a tutti i sindaci della provincia di Viterbo affinché provvedano con le relative ordinanze.

Durante l'odierno tavolo di coordinamento per la sicurezza inoltre sono state predisposte le seguenti misure:

in caso di emergenza terremoto
- la popolazione deve ammassarsi in piazza Martiri d'Ungheria (Sacrario) e a Valle Faul;
- i soccorsi dovranno radunarsi nel piazzale antistante la sede del Comando della Polizia Locale.

Il sindaco Michelini rassicura la popolazione viterbese: "Sono solo misure precauzionali, nella speranza che restino tali. È ovvio che non dobbiamo sottovalutare quanto è accaduto a poche centinaia di chilometri da noi. È quindi opportuno divulgare tali misure per una maggiore sicurezza dei cittadini".

Tutte le informazioni e gli eventuali aggiornamenti saranno consultabili sul sito istituzionale del Comune di Viterbo e della Prefettura di Viterbo.
Tutte le notizie ufficiali saranno inoltre pubblicate in tempo reale sulla pagina Facebook Comune di Viterbo Informa

 
Speciale caso Melacrinis PDF Stampa E-mail
Sabato 22 Ottobre 2016 00:06







VIDEO e ARTICOLI:


(Clikka sul titolo per vedere il video o l'articolo)

Avv Melacrinis: denunciata per appropriazione indebita


Non leggono la mia denuncia, l'archiviano e poi mi condannano senza prove. Prima puntata

Il pm non legge le memorie difensive, né ascolta l'arringa della difesa, ma formula l'accusa chiedendo il massimo possibile - Seconda puntata

Si ascolta solo un testimone dell'accusa (marito della querelante) come all'Inquisizione - Terza puntata



L'avvocato fa l'istanza per il gratuito patrocinio del cliente e poi gli presenta la parcella

Rinvio a giudizio azzardato, il giudice lo nota in sentenza assolve l'imputato e denuncia

La "realtà" del pm D'Arma smentita dal giudice in sentenza

Leggi tutto...
 
Stefania Palamides, di Civita Castellana, è il nuovo presidente di Unindustria Viterbo PDF Stampa E-mail
Giovedì 06 Ottobre 2016 04:37
Clikka sulla foto per vedere il video

 
Accade al Tribunale di Viterbo PDF Stampa E-mail
Sabato 01 Ottobre 2016 17:40
I FATTI: 29/09/16 udienza del processo Coppa/Melacrinis. L'avvocato Serena A. Gasperini, mio difensore, già da una settimana aveva presentato istanza di rinvio perché chiamata per il processo per l'omicidio di Pordenone, informandone anche il collega avvocato Remigio Sicilia, difensore dei Melacrinis. Io mi presento in aula per prendere la data del rinvio, e... per controllare se "per caso", anche questa volta per "sbaglio" non sparisca qualche documento importante dal fascicolo. In aula sono presenti i Melacrinis, con il loro difensore Sicilia e le due avvocatesse Paolocci e Sirena, testimoni dei Melacrinis. Le due testimoni, essendo avvocati dello stesso Foro, avrebbero potuto lavorare l'intera mattinata, ed essere chiamate con il cellulare dai Melacrinis al momento dell'udienza, che in ogni caso tutti sapevamo che sarebbe stata rinviata.

Leggi tutto...
 
La Banca di Viterbo Credito cooperativo premia i migliori tra sport, cultura e solidarietà PDF Stampa E-mail
Venerdì 23 Settembre 2016 12:10
Clikka sulla foto per vedere il video

 
La Guardia di Finanza di Viterbo celebra il patrono san Matteo PDF Stampa E-mail
Giovedì 22 Settembre 2016 19:36
Clikka sulla foto per vedere il video


 
Diritto di Satira PDF Stampa E-mail
Lunedì 29 Agosto 2016 12:11

IL DIRITTO DI SATIRA

Saldamente ancorata ad una tradizione millenaria, la satira costituisce la più graffiante delle manifestazioni artistiche. Basata su sarcasmo, ironia, trasgressione, dissacrazione e paradosso, verte preferibilmente su temi di attualità, scegliendo come bersaglio privilegiato i potenti di turno. Anzi, più in alto si colloca il destinatario del messaggio satirico, maggiore è l'interesse manifestato dal pubblico.

Essendo una forma dell'arte, il diritto di satira trova riconoscimento nell'art. 33 Cost., che sancisce la libertà  dell'arte. Ma è una forma dell'arte particolare. Il contenuto tipico del messaggio satirico è lo sbeffeggiamento del suo destinatario, che viene collocato in una dimensione spesso grottesca. La satira mette alla berlina il personaggio al di sopra di tutti, l'intoccabile per definizione. Esalta i difetti dell'uomo pubblico ponendolo sullo stesso piano dell'uomo medio. Da questo punto di vista, la satira è un formidabile veicolo di democrazia, perché diventa applicazione del principio di uguaglianza. Non a caso è tollerata persino nei sistemi autoritari, fortemente motivati a mostrare il volto "umano" del regime.

 
articoli-archivio PDF Stampa E-mail
Martedì 04 Settembre 2018 19:17
Università della Tuscia. Settimana della Scienza e Notte dei Ricercatori. Ce ne parlano il Rettore Alessandro Ruggeri, la prof.ssa Ines Delfino che ne ha curato l'organizzazione e la pro-rettrice Anna Maria Fausto

(clikka sulla foto per vedere il video)



























"MATCH IT NOW" La manifestazione Admo per trovare nuovi donatori


(clikka sui titoli per vedere i video)

























VIDEO 1 - Alberto Mezzetti e Mammo Rappo testimonial d’eccezione ADMO Parla Paola Massarelli

VIDEO 2 - Alberto Mezzetti testimonial ADMO. I donatori “sono le persone che possono cambiare il mondo"

VIDEO 3 - Il messaggio di Mammo Rappo per ADMO: “ci dobbiamo volere bene sempre di più”


VIDEO 4 - Tuscia Comix aiuterà ADMO a trovare nuovi donatori. La parola a Sario Ricci




---------------------






















--------------------------


Presentazione stagione teatrale teatro Unione Viterbo

(clikka sulla foto per vedere il video)













Presentazione stagione teatrale teatro Unione Viterbo. Intervento di Gabriele Lavia

(clikka sulla foto per vedere il video)
































CASO AVV. ANNA CAMILLI

L’avv avrebbe falsificato le firme dei propri clienti per agire indisturbata alle loro spalle anche senza mandato. Dopo aver incassato le parcelle, invece, quando incaricata, non si presentava alle udienze senza seguire minimamente le pratiche e, anzi, quando revocata, a causa iniziata, si presentava in udienza senza il consenso del cliente. Aumentano le segnalazioni di ex clienti che dichiarano di essere stati truffati dall’avv Camilli. Insomma la Camilli agiva indisturbata approfittando della buona fede dei propri clienti che si affidavano a lei, certa di una Procura assai distratta quando si tratta di indagare su un avvocato. Ma LA LEGGE DOVREBBE ESSERE UGUALE PER TUTTI



------------------------



Presentazione
torneo HOT BUTTERED 22/23 Settembre Palamalè

(clikka sulla foto per vedere il video)




--------------------------

Pace fatta tra il sindaco Arena ed il consigliere Ricci















La collega Wanda Cherubini direttore responsabile di tusciatimes.eu intervista un rappresentante de "La Varia di Palmi" gemellata con la Macchina di Santa Rosa


(clicca sulla foto per vedere il video)






















Noi, giornalisti locali, cacciati dalla festa che seguiamo da 20 anni, per fare spazio a quelli "venuti da fuori che sanno tutto su Viterbo e Santa Rosa". Ecco il risultato, una vera promozione per la nostra città!



















Cena dei Facchini di Santa Rosa e presentazione squadra giallo blu (prima parte)

(per vedere il video clikka sulla foto)






















Cena dei Facchini di Santa Rosa e presentazione squadra giallo blu (seconda parte)

(per vedere il video clikka sulla foto)



















Cena dei Facchini di Santa Rosa e presentazione squadra giallo blu (terza parte)

(per vedere il video clikka sulla foto)



















-----------------------



Il sindaco Arena presenta il Trasporto della Macchina di santa Rosa 2018

video:

(per vedere il video clikka sulla foto)






















--------------------



TRASPORTO MINIMACCHINA DI SANTA ROSA DEL QUARTIERE SANTA BARBARA

VIDEO:




















-------------------



SPECIALE MINIMACCHINA DEL PILASTRO 2018

VIDEO:

1 - MiniMacchina del Pilastro 2018. La benedizione del vescovo e gli interventi delle autorità presentate da Angelo Loddo

2 - MiniMacchina Pilastro 2018. “Evviva Santa Rosa!”

3 - Minimacchiana Pilastro 2018. Tappa con “girata”

4 - MiniMacchina Pilastro 2018

5 - MiniMacchina Pilastro 2018. I facchini si sistemano sotto la Macchina

6 - MiniMacchina del Pilastro 2018. Una “girata” impegnativa

7 - MiniMacchina del Pilastro 2018. “Facchini di Santa Rosa! Accapezzate il ciuffo!”

8 - Il “Sollevate e fermi” per la parrocchia del Sacro Cuore. Minimacchina del Pilastro 2018

9 - I facchini vengono chiamati sotto la Macchina

10 - Ultima tappa MiniMacchina Pilastro 2018

11 - Angelo e Pino Loddo alla guida di un trasporto grandioso. L’arrivo e la festa. Viterbo minimacchina del Pilastro 25 Agosto 2018























-------------------------

DOPO IL SEQUESTRO DEI MIEI ARTICOLI, VIETATO DALLA SENTENZA DI CASSAZIONE SSUU, MA IMPOSTO LO STESSO DAI MAGISTRATI VITERBESI, VITERBOTV HA AVUTO UN ALTRO ATTACCO HACKER, STIAMO RIPRISTINANDO IL SITO E CON L'OCCASIONE ANNUNCIAMO LA IMMINENTE NUOVA VESTE GRAFICA DEL GIORNALE

---------------------

Sabato 25 agosto a partire delle ore 8

GIORNATA DEL DONATORE AVIS, AUTOEMOTECA IN PIAZZA DEL
PLEBISCITO
Autoemoteca Avis in piazza del Plebiscito per la Giornata del Donatore.
L'appuntamento, organizzato dall'Avis comunale, dal Comitato Centro Storico e dal gruppo donatori in consiglio comunale, è fissato per sabato 25 agosto a partire dalle ore 8. “Torna finalmente l'autoemoteca in piazza – ha sottolineato il presidente Avis Luigi Ottavio Mechelli -. Un'importante ricorrenza che, ci auguriamo, possa richiamare consueti e nuovi donatori. L'invito è rivolto a tutta la cittadinanza e, in particolare, ai genitori dei mini facchini del centro storico, ai consiglieri del comitato Centro Storico e a tutti i componenti, e ai consiglieri comunali. Mi auguro ci sia una risposta forte e convinta come quella registrata lo scorso 8 agosto, grazie alla disponibilità del Comune e del Consorzio Teatro Tuscia con l'ingresso omaggio allo spettacolo di Maurizio Battista a Ferento. 19 sacche di sangue in questo periodo sono state davvero molto preziose. Mi auguro si possa ripetere quanto prima qualcosa di simile attraverso la collaborazione di due o più realtà”. “Confidiamo molto nei genitori dei piccoli facchini e nella grande famiglia del nostro comitato – ha aggiunto il presidente del Comitato Centro Storico Lucio Laureti -. Spero possano trovare il tempo di passare a piazza del Plebiscito per compiere un grande
gesto di solidarietà”.
Tutti i donatori che devono effettuare il controllo annuale dei parametri ematochimici devono rimanere digiuni; coloro che non necessitano dell’esame sopra citato possono assumere prima della donazione un caffè o un thè, con al massimo due biscotti o fette biscottate; è da evitare tassativamente, prima della donazione, l’assunzione di latte e suoi derivati. Il donatore deve avere un'età compresa tra i 18 e i 65 anni e con un peso corporeo non inferiore a 50kg. Devono essere trascorsi almeno 5 giorni circa dall’ultima assunzione di farmaci antinfiammatori prima di poter effettuare la donazione. Tutte le altre informazioni sono consultabili sul sito www.aviscomunaleviterbo.it


--------------------

 

Si comunica che, dal 21 agosto fino a venerdì 24, le carte di identità verranno rilasciate solo dall'ufficio anagrafe di via Garbini (tutte le mattine, dalle 9 alle 12, oltre al martedì e al giovedì pomeriggio su appuntamento).

L'anagrafe di piazza Fontana Grande osserverà i consueti orari (martedì, giovedì e venerdì dalle 10 alle 12), ma per problemi tecnico-organizzativi, in questi giorni, non rilascerà carte di identità. Il servizio riprenderà regolarmente dalla prossima settiman

-------------------------------

Il reparto di Ginecologia e Ostetricia di Belcolle è eccellente, il direttore, dottor Giorgio Nicolanti, è un'eccellenza in campo medico e chirurgico












In foto il dott. Giorgio Nicolanti, direttore del reparto Ginecologia e Ostetricia dell'Ospedale Belcolle a Viterbo

Il ringraziamento della collega Cristina Pallotta al primario di Ostetricia dott Nicolanti

"Ho avuto paura. La mia famiglia anche. Pure mia madre ne ha avuta. Forse più di tutti noi.

In poche ore siamo precipitati all'inferno. Di colpo. Senza avere il tempo di capire, pensare, decidere. Ma c'era un briciolo di lucidità in tutto questo che non mi ha mai abbandonato.

Quella lucidità che mi martellava in testa e che come un mantra mi faceva ripetere sottovoce che mia madre era in ottime mani.

Che il reparto di Ginecologia e Ostetricia di Belcolle è eccellente.

Che i dottori sono eccellenti.

Che il primario, il dottor Giorgio Nicolanti, è un'eccellenza in campo medico e chirurgico.

E così sono andata avanti fino al giorno dell'intervento.

Per quelle infinite ore, cinque interminabili ore, continuavo a pensare che sarebbe andato tutto bene.

Quando l'hanno riportata in stanza, ancora sotto l'effetto dell'anestesia, non faceva che chiamare la sua piccola Elsa.

Elsa, mia figlia.

Nata lo scorso dicembre.

Attesa, voluta e arrivata anche grazie alla professionalità di quello stesso primario a cui ho affidato mia madre.

A un mese esatto da quel 20 luglio, dal giorno in cui mia madre si è sentita male, ora stiamo rialzando la testa.

La convalescenza è lunga.

L'intervento è stato complesso, l'età si fa sentire, il caldo non aiuta. Ma va meglio. Molto meglio.

In quei giorni in cui era ricoverata mi ha raccontato mille volte di quel 15 dicembre, di quando davanti a quell'ascensore del settimo piano aspettavano di vedermi risalire con mia figlia appena nata.

Finalmente un sogno che si era realizzato.

In questi giorni ho ripensato a quanto, quel 31 luglio, ho guardato quell'ascensore, nell'attesa di vederla ritornare dopo l'intervento.

Finalmente la fine di un incubo.

A nome mio, della mia famiglia e di mia madre in particolare, voglio dire grazie al personale infermieristico che l'ha accudita, grazie al dottor Francesco Morabito che per primo l'ha accolta quel venerdì pomeriggio, grazie alla dottoressa Luana Pontani per la gentilezza e la premura con cui si è rivolta a mia madre, prima e dopo l'intervento.

Ma un ringraziamento speciale va al dottor Giorgio Nicolanti, direttore e medico dotato di grande professionalità e umanità a cui va tutta la nostra stima e la nostra infinita riconoscenza".




---------------------------------


L'avvocato Giulia Bongiorno non e nessuno in confronto all'Avvocato Anna Camilli di Sipicciano Foro di Viterbo.
un'ora di consulenza legale costa 800 euro. Ha fatto assolvere Andreotti e divorziare Fini. Ha difeso Totti e la Huzinker, Moggi e Cragnotti e Perugia le ha dato nuva fama.

Ma di fronte ad Anna Camilli, che di euro ne pretende quasi 9000 per fare la stessa cosa, sparisce nel nulla.
















































La pre parcella a firma Camilli:































Siamo tutti visionari?

Ricevo dallo sportello antiusura di Gaetano Cici informazioni sulle numerose denunce alla Camilli da parte dei suoi assistiti. Stesso comportamento che avevo denunciato io stessa, ma gli avvocati viterbesi mi ritennero una visionaria. La Camilli pretese da me 300 euro in contanti per presentare una mia costitzione di parte civile, ma all'udienza, non la presentò facendome perdere il diritto. Mi rassicurò che avrebbe potuto farlo all'udienza successiva, ma voleva ancora 1000 euro, e poiché mi sembrava un po' troppo, per riparare un suo errore gravissimo, lasciai perdere, e le chiesi la fattura dei 300 euro. Mi rispose che quelle somme sarebbero andate allo Stato e la fattura me l'avrebbe fatta avere, in un italiano di tenore letterale bizzarro, oltretutto su facebook, ma ad oggi a tre anni di distanza non ho ricevuto nulla. Mi inviò sms con i quali mi diffidò a chiamarla di nuovo.













-----------------
Articolo sottoposto al Sequestro Preventivo dal Tribunale di Viterbo - Ufficio del Giudice per le Indagini Preliminari P.P.2725/18 R.G.N.R

------------------

Ancora un GRAVE ABUSO da parte di un magistrato che difende un avvocato che sbaglia. Si tratta del pm SIDDI che chiede ed ottiene dal giudice Rigato il sequestro preventivo degli articoli sul CASO AVVOCATO CAMILLI.

Siamo alle solite. Il pm Siddi ed il giudice Rigato in preda al caldo di ferragosto sferrano una sceriffata fuori legge, sequestrando i miei articoli, quando sanno benissimo che la sentenza di Cassazione a Sezioni Unite n. 31022 del 29/01/15 lo vieta. 
Quando in passato la stessa Procura sequestrò i miei articoli sull’avvocato Melacrinis, i miei legali chiesero il dissequestro, che non fu accolto poiché per potermi mettere un bavaglio, visto che ciò che avevo scritto era vero e non diffamazione, per incastrarmi si inventarono di negarmi il Diritto di Cronaca, poiché secondo loro non sarei giornalista ed il mio non sarebbe un giornale. Invece sono giornalista iscritta all’Ordine dei giornalisti del Lazio dal 2001 (basta consultare l’Albo su internet al sito  dell’Ordine e soprattutto la mia testata è iscritta proprio al Tribunale di Viterbo dal 2008, con il numero 01/08 a firma del presidente del Tribunale, basta chiedere una visura per verificare, ed un magistrato non dovrebbe avere difficoltà a farlo nello stesso Tribunale. 
Orbene, lo stesso giudice che mi rinviava a giudizio per diffamazione nella mia qualità di giornalista direttore responsabile, poi non mi riconosceva tale per dissequestrate gli articoli. Adesso si ripete la stessa cosa. Nel decreto di sequestro dello stesso Tribunale si legge “articoli della testata giornalistica nella sua qualità di giornalista direttore responsabile”. Quindi quando gli fa comodo per il sequestro ed il rinvio a giudizio, sono giornalista, ma per dissequestrare magicamente non lo sono più! Non ci sono più parole da scrivere, ma solo attesa che un giudice terzo faccia finalmente Giustizia  e smascheri tali giochetti di giudici corrotti che aiutano e favoriscono l’avvocato di turno. Ho il sospetto che siano giochetti, poiché in passato ho affrontato 14 Processi Penali, e ne sono uscita sempre vincitrice, assolta con formula piena dopo aver dimostrato sempre la verità di quanto scritto, ma non scrivevo di avvocati e nessuno della Casta si sentiva offeso al punto tale da ricorrere all’imbroglio per potermi imbavagliare.


———————

Legge e Costituzione": è questo il motto del nuovo questore Massimo Macera


















Il neo questore Massimo Macera si è presentato questa mattina alla Stampa. Dal primo Agosto ha preso il posto di Lorenzo Suraci, oggi questore a Livorno, amico di vecchia data il quale lo ha rassicurato sulla efficenza della squadra viterbese. Macera continuerà il lavoro già egregiamente svolto dal suo predecessore, senza che ci si possa accorgere che sia avvenuto un cambiamento. La telefonata in diretta durante la conferenza da parte di Suraci lo ha confermato. Gli eventi attuali hanno portato i cittadini a sentirsi meno sicuri, ed è "compito nostro", ha detto, garantire la sicurezza senza azioni dimostrative, ma efficaci, concrete e risolutive. Per fare ciò, il neo questore si avvarrà della collaborazione sinergica di tutte le forze dell'ordine, con le quali ha già stretto contatti. Il suo desiderio è quello di essere ricordato come il questore che si sia dedicato ai viterbesi, e a giudicare dalla fermezza e dai toni decisi e sicuri della sua esposizione, ci riuscirà. Sarà impegnato h24, e a dimostrazione di ciò ha già anticipato che sarà attivo anche sotto ferragosto con i suoi uomini, e su una cosa non vuole allinearsi al detto ormai noto "lo facciamo dopo Santa Rosa", e fa bene. Un giro in scooter per la città gli ha permesso di visionare con occhio critico tutti gli aspetti che magari con una visita ufficiale potevano sfuggirgli, a testimonianza della sua voglia di fare e di scegliere il miglior modo di fare. Tanto è vero che per la sicurezza di Viterbo e di tutta la Provincia ha già in mente qualcosa di nuovo, che naturalmente rimane top secret proprio per garantirne l'efficacia. La sua barra di riferimento sarà costantemente fissata su Legge e Costituzione, niente favoritismi e complicità, ma serie collaborazioni. Il questore si è poi soffermato su un discorso attraente ed interessante nonché attuale, "la tolleranza zero", che ha affrontato con schiettezza e facendo un paragone con il sistema americano, ne ha delinato gli aspetti legali legati alla nostra realtà italiana. In buona sostanza, l'intolleranza si avrà per tutte le forme di delinquenza, nessuna esclusa, senza graduatorie e preferenze, sottolineando come il lavoro che deve svolgere la Polizia sia quello di garantire la sicurezza, assicurando alla Giustizia i malviventi. Sono i magistrati che avranno poi il compito di condannare. L'incontro si è concluso con la conoscenza di tutti i giornalisti presenti, perché Macera non cerca la complicità di una testata o di un giornalista, ma la collaborazione di tutti, concetto che conferma la sua personalità e professionalità. Nota ultima sulla figura del nuovo questore, la sua simpatia al termine dei lavori, a rafforzare la serietà dell'esposizione, l'esigenza di rigore, la puntualità e precisione che sicuramente pretenderà nel suo lavoro e dai suoi uomini. Un buon inizio, che va ad aggiungersi al gesto del primo Agosto, giorno di insediamento, nel quale ha voluto ricordare chi ha dato la propria vita per la Polizia di Stato.






---------------------------

Inaugurazione fermata ascensore su via S. Antonio. Parlano il sindaco Giovanni Arena e l'assessore Laura Allegrini

(clikka sulla foto per vedere il video)























-----------------------

FRECCE TRICOLORI


Il prefetto obliga i giornalisti a raggiungere la postazione della Stampa a piedi (4 km sotto al sole), fatta eccezione per alcuni favoriti, i soliti amici degli amici. Poche navette prese d'assalto da 50.000 persone.


Lo spettacolo delle Frecce Tricolori, come sempre, impeccabile.

(clkka sulla foto per vedere il video)
























-----------------------


Discorso di Luisa Ciambella capogruppo pd Comune di Viterbo, alla manifestazione BASTARAZZISMO presidio per dire basta ad ogni forma di intolleranza. Viterbo piazza del Plebiscito 31 luglio 2018


(clikka sulla foto per vedere il video)























-----------------------










































Pm Siddi e giudice Rigato hanno sequestrato il mio articolo nel quale illustravo lo scandalo della fattura dell'avvocato ANNA CAMILLI che chiedeva oltre 8.000 euro per una consulenza senza avere ricevuto mandato, come sei stessa scrive sulla fattura. L'avvocato Camilli, proprio in una udienza davanti al giudicd Rigato (autore e firmatario del sequestro contro legge) aveva fatto scena muta senza presentare la mia costituzione di parte civile, dopo avermi spillato in nero (con ricevuta non conforme) euro 300.





-----------------------




Il sindaco di Viterbo Arena, presenta la sua giunta

(clikka sulla foto per vedere il video)





















------------------------------------


Assolta la collega giornalista Wanda Cherubini



Altra grande vittoria del famoso penalista, avvocato Franco Taurchini. Questa mattina si è tenuta davanti al Gup del.tribunale di Viterbo, la difesa della giornalista Wanda Cherubini, accusata di diffamazione nei confronti di un ex assessore di Vitorchiano per aver pubblicato un comunicato stampa degli ex consiglieri comunali di minoranza.

La grande professionalità, la preparazione e l'intuito dell'avvocato Taurchini hanno, ancora una volta,convinto il Gup che nulla poteva essere addebitato alla Cherubini. Soddisfazione è stata espressa dalla giornalista Cherubini e dal suo difensore Taurchini, che ha dichiarato: "Giustizia è stata fatta. Sono soddisfatto Aspetto ora le motivazioni della sentenza per rilasciare ulteriori dichiarazioni in merito".



-------------------------------------------



Nutrizione e fibromialgia, conferenza organizzata dall'associazione Libellula Libera. Ai nostri microfoni il presidente dell'associazione Francesco Piccerillo, Moreno Busti medico di base, Walter Tosches psicologo e Giuliano Pezzanera, medico esperto in nutrizione

(clikka sulla foto per vedere il video)





















----------------------------------


150 CUORI PULSANTI PER CATERINA DI FILIPPO

150 cuori pulsanti, 150 emozioni, 150 leoni e leonesse, 150 paure, 150 amori, 150 baci ed infiniti applausi, 150 pensieri per Caterina... 150 allievi della scuola Nuovo Centro Danza e Fitness fondata da Caterina Di Filippo, impegnati tutti insieme per uno spettacolo di fine anno, che non è il solito saggio, no, è uno spettacolo vero e proprio con artisti a 360 gradi, proprio così come li voleva Caterina. Artisti che sul palco sapessero ballare, ma anche cantare, interpretare, recitare, insomma veri artisti. E così lo spettacolo di fine anno non lo possiamo chiamare saggio di fine corso, ma spettacolo con la "S" maiuscola. Quest'anno poi lo spettacolo e stato doppio, una serata al teatro Caffeina con "Rispettiamo" e Gocce di Musical: "Ai Lov iu" e "Un Genio in Famiglia", con la regia di Marco Savatteri, Gabriel Glorioso e Laura Leo" della Casa del Musical, e lo spettacolo "Un Mondo  a Colori" al Palazzetto dello Sport, con tutti gli allievi della scuola di danza. Naturalmente con il tutto esaurito per entrambe le performances. Infiniti applausi per i ragazzi, così come sarebbe piaciuto a Caterina Di Filippo fondatrice della scuola. La scuola offre preparazione che spazia dal Jazz Hip Hop, Funky Jazz, Moderno, Contemporaneo al Classico. I ragazzi si sono esibiti Sabato 2 e Sabato 16 Giugno. Noi di Viterbotv e lacitta abbiamo seguito entrambe le serate e proponiamo alcuni brevi video, chicche degli spettacoli, corredati da foto delle numerose coreografie, così solo per dare un'idea del lavoro che 150 ragazzi sono riusciti a mettere in scena, guidati da Marco Savatteri, Gabriel Glorioso e Laura Leo per il Musical, e Carmine Caruso e Matteo Pastore, Stefano Cavalloro, Roberto Procaccini, Fabrizio Laurentace, Maria Giulia Quaranta, Marta Salerno, Sharon Nasoni, Samantha Balletti e Rachel per la danza, ma invitiamo tutti i nostri lettori alla replica dello spettacoo di Musical il prossimo autunno al Teatro Unione, e tutti i ragazzi che intendono intraprendere a carriera nello spettacolo, ad iscriversi a Settembre alla Scuola di Danza della scuola.

Lo spettacolo di beneficenza a favore dell'Associazione A.M.A.N. per il miglioramento e cura dei malati neoplastici, ha visto la presenza della presidente Aman, dottoressa Maria Neve che ha illustrato come fino ad oggi l'Associazione abbia potuto beneficiare del contributo della scuola di danza per attivare i vari progetti in atto.


VIDEO 1 (cikka per vedere il video)
Un mondo a colori - Gran finale dello spettacolo di fine corso della scuola Nuovo Centro Danza e Fitness fondata da Caterina Di Filippo

VIDEO 2 (clikka per vedere il video)
Spettacolo di fine corso della scuola Nuovo Centro Danza In favore dell’Associazione A.M.A.N. Per il miglioramento dell’assistenza e cura dei malati neoplastici. Presenta Laura Leo, interviene la dottoressa Maria Neve presidente di Aman

VIDEO 3 (clikka per vedere il video)
Piccole chicche dallo spettacolo di fine anno della scuola Nuovo Centro Danza e Fitness fondata a Viterbo da Caterina Di Filippo. 1


VIDEO  4 (clikka per vedere il video)
Piccole chicche dallo spettacolo di fine anno della scuola Nuovo Centro Danza e Fitness fondata a Viterbo da Caterina Di Filippo. 2

Video 5 (clikka per vedere il video)

VIDEO 6 (clikka per vedere il video)
Piccole chicche dallo spettacolo di fine anno della scuola Nuovo Centro Danza e Fitness fondata a Viterbo da Caterina Di Filippi. 4


VIDEO 7 (clikka per vedere il video)
Un bacio per Caterina - Piccole chicche dallo spettacolo di fine anno della scuola Nuovo Centro Danza e Fitness fondata a Viterbo da Caterina Di Filippi. 5










Viterbo 5 giugno 2018. Cerimonia per il 204° anniversario di fondazione dell'Arma dei Carabinieri, nella sede del Comando provinciale di Viterbo, tra orgoglio e importanti numeri.
Alla presenza delle massime autorità di Viterbo e provincia, il colonnello Giuseppe Palma, comandante provinciale di Viterbo dei Carabinieri, nel suo discorso ha riassunto l’attività svolta nel corso dell’ultimo anno.
Durante la cerimonia sono state consegnate le ricompense ai Carabinieri che si sono particolarmente distinti nello svolgimento dei compiti.





















--------------------------

GIANCARLO “nulla saccio” GABBIANELLI, al PROCESSO CEV, prima rinuncia alla prescrizione, poi l’accetta. CHIARO SEGNALE: o non è innocente e si è messo paura, oppure è innocente, ma non nutre alcuna FIDUCIA NEI GIUDICI VITERBESI. Come biasimarlo?


-------------------


Infiniti applausi per lo spettacolo di fine corso 2018 “Rispettiamo” “ailoviu’” e “Un Genio in Famiglia" diretto da Laura Leo, Marco Savatteri e Gabriel Glorioso. Noi di viterbotv.it vi consigliamo di andare a vedere la replica della spettacolo che si terrà nel mese di Dicembre

(clikka sulla foto pr vedere il video)
















-------------------------------

Inno dell’AGOP con Sofia Biordi e Laura Leo al policlinico Gemelli a Roma in occasione della giornata nazionale del sollievo

(clikka sulla foto per vedere il video)






























----------------------------------

SPECIALE ELEZIONI 2018


































Arena con le candidate della Lega




















Tajani: “Giovanni Arena merita di essere il sindaco di Viterbo!”

(clikka sulla foto per vedere il video)























Arena: “Forza ragazzi! La vittoria è alla nostra portata!”

(clikka sulla foto per vedere il video)



















Tajani: “Giovanni Arena merita di essere il sindaco di Viterbo!”

(clikka sulla foto per vedere il video)



















Viterbo inaugurazione sede Forza Italia. Arena, Tajani, Marini e Bacocco

(clikka sulla foto per vedere il video)

















Luisa Ciambella candidata sindaco al Comune di Viterbo e la lista che la sostiene Orizzonte comune

(clikka sulla foto per vedere il video)



















Giovanni Arena candidato sindaco di Viterbo

(clikka sulla foto per vedere il video)





















Francesco Serra candidato sindaco di Viterbo

(clikka sulla foto per vedere il video)


























Avvocato Silvia Corbellini, candidata per la Lega con Arena sindaco

(clikka sulla foto per vedere il video)




















----------------------------


Conferenza del criminologo Marco Strano:
"Alla radice della violenza di specie"
analisi, prevenzione e contrasto dei crimini ai danni degli animali





















Sabato 21 aprile 2018 il criminologo Marco Strano, presidente del C.S.L.S.G. (Centro Studi per la Legalità la Sicurezza e la Giustizia), ha tenuto una interessante conferenza dal tema "Alla radice della violenza di specie".

Alla radice della violenza della specie umana nei confronti delle altre specie del pianeta c'è la prepotenza e la prevaricazione.

Il maltrattamento nei confronti degli animali rappresenta, inoltre, spesso il seme della violenza anche nei confronti degli stessi esseri umani.

La conferenza del dr. Strano, ha voluto proporre un innovativo progetto per realizzare nuove e più efficaci strategie di contrasto ai crimini nei confronti degli animali.

Ha introdotto i lavori il senatore Umberto Fusco.

Marco Strano, Psicologo e Criminologo è considerato uno dei maggiori esperti del mondo di Psicologia investigativa e criminal profiling.

Ha cominciato la sua attività professionale di investigatore nel 1980 come Ufficiale dei Carabinieri (Divisione Unità Speciali), comandando un nucleo speciale di sicurezza, investigazione e vigilanza presso un Supercarcere in Calabria ma partecipando anche a numerose operazioni di contrasto alla criminalità organizzata.

Poi, dopo alcuni anni, è transitato nei Servizi di Intelligence e Sicurezza della Presidenza del Consiglio dove ha operato per 7 anni nel Nucleo Operativo Speciale dell’Ufficio dell’Alto Commissario Antimafia di Palermo occupandosi di operazioni di intelligence tattica, e poi al suo scioglimento, nel 1991, per altri 10 anni come Agente Operativo in Italia e all’estero in una speciale unità di contrasto del SISDE alla criminalità organizzata, maturando una grande esperienza sul campo nell’attività operativa “di strada” in aree urbane e in aree di campagna.

Parallelamente all’attività operativa istituzionale, Marco Strano ha approfondito studi di Sociologia dell’Organizzazione, di Psicologia e di Criminologia effettuando alcune pubblicazioni scientifiche pionieristiche.

Nel 2001 è transitato a domanda nella Polizia di Stato (come Direttore Tecnico Psicologo) dove ha svolto un periodo di quattro anni nella Polizia delle Comunicazioni come Dirigente dell’U.A.C.I. (Unità di Analisi dei Crimini Informatici) occupandosi di attività investigativa e di analisi psico-criminologica nel contrasto al cybercrime (con particolare interesse verso la lotta alle organizzazioni di pedofili) e contemporaneamente fornendo assistenza psicologica specialistica al personale esposto per ragioni investigative alla visione di materiale pedopornografico.

Dal 2005 presta servizio come Direttore Tecnico Capo (Psicologo) – l’equilavente militare di Tenente Colonnello, presso il comparto sanitario della Polizia di Stato, con compiti di Psicologia applicata all’investigazione (Tecniche psicologiche di interrogatorio, autopsia psicologica e profiling) e in generale all’attività di polizia.

Ricopre inoltre la carica di Dirigente Nazionale di un Sindacato di Polizia nel cui ambito sta svolgendo studi sulla Psicologia degli operatori di polizia in situazioni di combattimento a fuoco concorrendo alla formazione specialistica anche di altre forze armate.

È il Presidente del Centro Studi per la Legalità la Sicurezza e la Giustizia (www.criminologia.org) che assiste gratuitamente vittime di stalking e di altri reati ad alto impatto psicologico ed è il Direttore Scientifico della prestigiosa Associazione internazionale di criminologi ed esperti forensi I.F.C.T. (International Forensics Consulting Team) di Bellinzona – Suisse.

In passato ha collaborato con l’Unità di Scienze comportamentali (Behavioral Science Unit) dell’Accademia FBI di Quantico per un progetto di ricerca sull’intuitive policing (intuizione nell’attività di polizia) con il patrocinio dell’American Psychological Association.

E’ autore di numerosi libri su tematiche criminologico-investigative: Evoluzione Mafiosa e tecnologie criminali (edizioni Giuffrè, 1995); Nuove frontiere della criminalità (edizioni Giuffré, 1997); Computer crime (edizioni Apogeo, 2000); Cyberterrorismo (edizioni Yackson, 1999); Manuale di Criminologia Clinica (edizioni Marcello Rossini, 2000); Sicurezza e Privacy in azienda, (edizioni Apogeo, 2002); Manuale di Criminologia (edizioni SEE, 2003); Chi è unabomber, (edizioni Aliberti 2007) e di più di 100 articoli scientifici in materie psicologiche e criminologiche.



----------------------------



SCANDALO AL TRIBUNALE DI VITERBO


GIUDICE LUCCHESI USA LA VIOLENZA APPROFITTANDO DELLA SUA POSIZIONE E DELLA MIA CONDIZIONE DI MALATA ONCOLOGICA TERMINALE SOTTO GLI EFFETTI DI UNA CHEMIO DEVASTANTE, PER NON FAR PARLARE IL MIO TESTIMONE E NON FA PARLARE ME IMPUTATO PER FAVORIRE I MELACRINIS


Dalle 15 alle 19 ero in redazione con il collega Galeotti, mio testimone, con pubblicazione su GOOGLE documentale a quell'ora, ma il giudice LUCCHESI non permette con la violenza al mio avvocato di potergli fare la domanda e manda via il mio testimone! Mi condanna per un fatto riferito solo dalla MELACRINIS E SUO MARITO dicendo che sia avvenuto alle 15.30 e senza alcun referto di pronto soccorso! COME POSSO FARE A DIFENDERMI? I presenti in aula possono testimoniare l'accaduto! Il GIUDICE LUCHESI ha usato violenza approfittando della sua posizione invece di appurare la verità ASCOLTANDO IL TESTIMONE E L'IMPUTATO CHE AVEVA CHIESTO DICHIARAZIONI SPONTANEE, MA APPENA PRESO LA PAROLA, IL GIUDICE HA DETTO CHE MI STAVO DILINGANDO E MI HA INTERROTTO, DETTANDO LEI STESSA AL CANCELLIERE CIO' CHE SECONDO LEI AVREI DOVUTO DIRE, DAVANTI AI TESTIMONI IN AULA CHE SARANNO CHIAMATI DAVANTI AD ALTRO TRIBUNALE PER GARANTIRE QUANTO DA ME AFFERMATO!


--------------------------

COMINCIO LO SCIOPERO DELLA FAME E MI LASCIO MORIRE IN ATTESA CHE LA CANCELLERIA DEL GIUDICE AUTIZI, DOPO OLTRE UN ANNO, fingendo di non aver ricevuto gli atti, tiene congelato l'APPELLO PER FAVORIRE i MELACRINIS, permettendogli di farmi pignorare casa senza darmi la possibilità di chiederne la sospensione con l'APPELLO, che non fanno partire da Viterbo gestendo la Giustizia come fosse cosa loro. Il giorno dopo questa dichiarazione l'Appello è finalmente partito da Viterbo.

--------------------------

OGGI MI È ARRIVATO UN RINVIO A GIUDIZIO IN QUALITÀ DI DIRETTORE RESPONSABILE DEL GIORNALE VITERBOTV.it.  NUOVO PROCESSO MELACRINIS. MA COME, NON MI AVEVANO SEQUESTRATO GLI ARTICOLI PERCHÉ IO NON SAREI GIORNALISTA (iscritta all'Ordine dei giornalisti dal 2001) E VITERBOTV NON SAREBBE UN GIORNALE (iscritto nello stesso Tribunale registro stampa N. 01/08) 
I GIUDICI VITERBESI IMBROGLIANO E FALSIFICANO LA VERITA' (giornale iscritto nello stesso Tribunale) E RIGIRANO LA FRITTATA A SECONDA DI COME GLI FA COMODO PER FAVORIRE I MELACRINIS. Per lo stesso giudice Autizi, una volta sono giornalista, una volta no, una volta il mio sarebbe un giornale regolarmente iscritto, una volta invece no, a seconda di come fa comodo per favorire i Melacrinis.



--------------------























-----------------------

Viterbo 13 luglio 2017. Convenzione quadro, tra il Tribunale di Viterbo e l'Università della Tuscia, per l'attivazione tirocini di formazione e orientamento, per agevolare le scelte professionali mediante la conoscenza diretta del mondo del lavoro e realizzare momenti d'alternanza tra studio e lavoro nell'ambito dei processi formativi.
Intervengono: il rettore dell'Università della Tuscia: Alessandro Ruggieri; la presidente del Tribunale di Viterbo, Maria Rosaria Covelli e il giudice Mauro Ianigro.
Ripresa con iPhone6 di Mauro Galeotti per il quotidiano www.lacitta.eu













GRAVISSIMO ABUSO DEI GIUDICI CIALONI, MATTEI E AUTIZI solo PER ACCONTENTARE GLI AVVOCATI MELACRINIS

Oscurano e sequestrano articoli del mio giornale, perché racconto la verità sul caso Melacrinis. Unica scusa che hanno, non sarebbe la prova che ciò che scrivo non corrisponda a verità, (e ciò non darebbe comunque diritto al sequestro), ma che il mio giornale non sarebbe iscritto al ROC. Viterbotv.it non ha obbligo di iscrizione poiché la testata non supera i 100.000 euro annui di ricavo, (e neanche 1 euro), non ha sovvenzioni pubbliche e non ne ha fatto richiesta.

AGCOM:


I soggetti tenuti all'iscrizione al Registro (ai sensi dell'art. 2 della delibera 666/08/CONS)

  • Con riferimento ai periodici on line, si evidenzia che, alla luce di quanto disposto dall'art. 3-bis, comma 1, del d.lgs. 63/2012 come convertito dalla sopra indicata legge n. 103/2012, sono obbligati all'iscrizione al Registro esclusivamente le imprese che editano testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse per via telematica che:
  1. conseguano ricavi annui da attività editoriale superiori o pari a 100.000 euro (ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità, sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati) ovvero
  2. abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche.




-------------------

IL MIO LAVORO TERMINA QUI


clikka sulla foto per l'articolo




















----------------------


Festa del santissimo Salvatore, il programma dei festeggiamenti 2017

clikka sulla foto per vedere il video:















------------------------

Reportage di Viterbotv.it ad Amatrice con Francesca Nardi e Claudia Mozzetti dell'Associazione Donne di Amatrice e dintorni

Clikka sulla foto per vedere il video:


























-------------------------

Articolo 21 -
Il giudice Autizi dovrebbe imparare dal giudice Mattei

(clikka sulla foto per leggere l'articolo del collega Marco Fumarola)
























------------------------


Tutti gli articoli sul profilo fb Patrizia Patty Coppa (viterbotv.it)

QUERELE TEMERARIE = strumento di intimidazione nei confronti delle giornaliste e dei giornalisti che cercano di svolgere al meglio il proprio lavoro di informare correttamente i cittadini su quello che succede intorno a loro


COME DIFENDERSI NEI CASI DI PATROCINIO O CONSULENZA INFEDELE


 
FESTEGGIAMENTI GIUGNO A VILLANOVA PDF Stampa E-mail
Lunedì 19 Giugno 2017 16:38

“MEZZANOTTE BIANCA” martedì 20 giugno

in foto Laura Leo

 

 

 

In occasione dei festeggiamenti del quartiere Villanova – Viterbo, martedì  prossimo 20/06/2017, i negozianti della “ Piazzetta” resteranno aperti fino a mezzanotte con simpatiche iniziative per poter passare una serata diversa ed in compagnia. Intratterrà la serata la notissima cabarettista, vincitrice de “ La sai l’ultima” su Canale 5, “ LAURA LEO”, che con i suoi coinvolgenti interventi, ci divertirà durante la serata.

A seguire l’ esibizione di una coppia di giovanissimi ballerini della scuola New Dance Alba di Viterbo, e la bravissima Sofia Biordi, interprete al teatro Brancaccio in Roma lo scorso 12 giugno della nuova canzone “ La cometa 10/d”, per l ‘Associazione Agop di Roma.

I negozianti invitano tutti ad intervenire, sicuri che proporre simpatiche iniziative come questa possano servire a rendere vivo il quartiere e la città di Viterbo, portando a conoscenza dei prodotti e servizi  di qualità che offre la “ Piazzetta “ di Villanova; e perché no, ultimare gli ultimi acquisti della giornata.

 
Reportage di Viterbotv ad Amatrice con Francesca Nardi e Claudia Mozzetti dell'Associazione Donne di Amatrice e dintorni PDF Stampa E-mail
Lunedì 08 Maggio 2017 17:21
CLIKKA SULLA FOTO PER VEDERE IL VIDEO:

 
Il diritto di criticare i giudici: “Paolo Gianlorenzo e Sabrina Mechella non devono risarcire la giudice viterbese” PDF Stampa E-mail
Lunedì 26 Dicembre 2016 19:00
clikka sulla foto per leggere
l'articolo de l'Osservatore politico

 
ENPA protezione animali è alla CIA abbigliamento in Via dell'industria a Viterbo PDF Stampa E-mail
Domenica 13 Novembre 2016 08:37
CLIKKA SULLA FOTO PER VEDERE IL VIDEO

 
II procuratore capo della Repubblica Paolo Auriemma presenta il nucleo per la tutela dei soggetti deboli PDF Stampa E-mail
Giovedì 10 Novembre 2016 08:37
Clikka sulla foto per vedere il video

 
L'avvocato Silvia Corbellini spiega come affrontare, leggere e difendesi dalla cartella Equitalia PDF Stampa E-mail
Lunedì 24 Ottobre 2016 06:39
Clicca sulla foto per vedere il video


 
L'avvocato Silvia Corbellini spiega come affrontare, leggere e difendesi dalla cartella Equitalia PDF Stampa E-mail
Domenica 09 Ottobre 2016 05:15
Clikka sulla foto per vedere il video

 
Festa di san Francesco nella Basilica dedicata al Santo, offerti i doni dalla Coldiretti Viterbo PDF Stampa E-mail
Giovedì 06 Ottobre 2016 04:17
Clikka sulla foto per vedere il video

 
Scuola Sottufficiali dell'Esercito: Corso "Coraggio", 200 neo marescialli PDF Stampa E-mail
Sabato 01 Ottobre 2016 10:54
Clikka sulla foto per vedere il video

 
Il questore di Viterbo, Lorenzo Suraci, presenta il nuovo capo della Mobile, Donato Marano PDF Stampa E-mail
Giovedì 22 Settembre 2016 19:49
Clikka sulla foto per vedere il video

 
Presentazione della guida "La Tuscia del Vino 2016" curata da Carlo Zucchetti PDF Stampa E-mail
Mercoledì 21 Settembre 2016 06:26
Clikka sulla foto per vedere il video

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 37