Contenuto Principale
“Dallo Smart Building alla Smart City” PDF Stampa E-mail
Mercoledì 17 Febbraio 2016 17:28

Workshop organizzato dalla Orsolini spa all’Università della Tuscia

“DALLO SMART BUILDING ALLA SMART CITY” è il titolo del seminario, promosso dall’azienda Orsolini Amedeo spa, in programma venerdì 19 febbraio p.v., alle ore 15.00 presso il Rettorato dell’Università degli Studi della Tuscia (Via Santa Maria in Gradi – Viterbo).

Un workshop cui hanno aderito Enti locali, Associazioni di categoria, tra cui Federlazio, ed ordini professionali, che vedrà la partecipazione di docenti universitari, nonché esperti ed operatori del mondo dell’edilizia e dei principali settori collegati. L’iniziativa ha lo scopo di individuare e definire strumenti innovativi per realizzare una moderna progettazione edilizia ed impiantistica ed è ispirata all’efficienza energetica, all’architettura solare passiva e attiva.

Il settore dell’edilizia rappresenta infatti, il fulcro di tali innovazioni (oltre il 40% dell’energia è consumata negli edifici) e le energie rinnovabili sono ormai il segno caratteristico delle nuove costruzioni edilizie che tendono all’autosufficienza energetica.  In questo scenario, un progetto di recupero e di valorizzazione del patrimonio edilizio esistente, non può prescindere da una progettazione integrata che ponga al centro l’efficienza energetica e la produzione di energie rinnovabili.

Come sappiamo molto spesso l’ottimizzazione e l’efficienza energetica del singolo edificio risulta costosa e ridondante in termini di impianti, il ragionamento quindi va spostato dalla “singola unità” al “sistema di più edifici”, integrando tutte le soluzioni tecniche ad oggi utilizzabili nell’ambito della produzione delle energie rinnovabili. Ragionando sul “sistema”, che sta per insediamenti integrati residenziali e produttivi, si potrebbe ridurre la potenza installata tramite una migliore e più omogenea distribuzione. Infatti, siccome il costo dell’impianto è proporzionato alla potenza, razionalizzando e distribuendo l’energia in maniera uniforme e controllata, tenendo conto anche dei tempi diversi (tra residenza e produzione), si avrà un sicuro risparmio, sia in termini di consumi (e quindi di fabbisogno) e sia in termini economici