Contenuto Principale
Un bavaglio alla stampa PDF Stampa E-mail
Sabato 16 Novembre 2013 00:16
Un bavaglio alla stampa

Decine di segnalazioni all'Ordine degli avvocati, denunce in Procura, opposizioni a richieste d'archiviazione: tutto messo a tacere. Oscurati articoli giornalistici che potevano smascherare un sistema di poteri forti, una fitta trama di privilegi, concessioni, benefici, immunità. Avvocati inattaccabili, intoccabili, ingiudicabili, la Casta li difende, li copre, li favorisce, imbavagliando la stampa. Avvocati che si definiscono, a propria discolpa accusando chi li smaschera, "appartenenti alle più importanti famiglie forensi viterbesi", che svolgono "attività di Avvocato (A maiuscola, sic) nello studio legale che è anche del padre e fu del nonno!, (punto esclamativo, sic) appartenendo quindi ad una famiglia molto nota nel Viterbese, in particolare nell'ambito forense". "Infine domandiamo alla signora Patrizia Coppa se si rende conto del costo che le comporterà aver infangato l'onorabilità di professionisti!!!!". (stavolta ben quattro punti esclamativi, sic).

Diffamare significa diffondere notizie non vere, ma se si oscurano articoli che riportano la realtà, senza alcuna verifica o prova di quanto affermato soltanto da un "professionista", significa mettere un bavaglio alla stampa.