Contenuto Principale
  • Consultazioni politiche / regionali / amministrative 2013

    Ai sensi e per gli effetti di legge vigenti, al fine di garantire ai candidati, alle liste, ai gruppi di candidati, l’accesso agli spazi dedicati alla propaganda elettorale in condizioni di parità tra loro, la soc. coop. TusciaMedia (editore di TusciaMedia.com) rende noto come segue.
    Leggi tutto...
  • Consiglio comunale

    VITERBO - Il 2012, per l'amministrazione comunale, non è iniziato sotto una buona stella. L'attivitá consiliare, ripresa la scorsa settimana dopo la pausa per le festivitá, è subito incappata in due brutte battute d'arresto.

    Leggi tutto...
Il 2012, per l'amministrazione comunale, non è iniziato sotto una buona stella PDF Stampa E-mail
Lunedì 30 Gennaio 2012 20:22

Consiglio comunale

VITERBO - Il 2012, per l'amministrazione comunale, non è iniziato sotto una buona stella. L'attivitá consiliare, ripresa la scorsa settimana dopo la pausa per le festivitá, è subito incappata in due brutte battute d'arresto.

 

La seduta di lunedí scorso, subito dopo aver salutato l'ingresso di due nuove assessore in giunta, Chiara Frontini e Maria Antonietta Russo, reso obbligatorio da un pronunciamento del Tar su ricorso del Pd, è stata sospesa per il mancato inserimento all'ordine del giorno della surroga del consigliere Pinna, nel posto lasciato vacante dalla Russo.

Nuova assise venerdí, ma a fronte delle assenze tra i banchi della maggioranza, l'opposizione abbandona l'aula.

Rituale che si ripete anche per il secondo appello.

Seduta sospesa e di nuovo salta la surroga di Pinna che ha dovuto attendere la seduta odierna per poter accedere alla carica di consigliere.

Questo pomeriggio, infatti, il consiglio comunale si è svolto regolarmente. Al centro del dibattito le polemiche sull'ampliamento della giunta a dieci assessori e sui costi aggiuntivi, 60mila euro di emolumenti, che comporta.

Una valutazione, come ha tenuto a sottolineare Barbieri dell'Udc, non politica nei confronti delle due nuove assessore, ma prettamente economica considerata la delicata situazione finanziaria dell'Ente. E Innocenzi del Sel ha recriminato a Marini di voler coprire le nuove spese con l'aumento dell'Irpef, che dovrebbe portare nelle casse comunali 750mila euro, secondo la stima del Partito democratico, 650mila invece per il sindaco.

E domani il parlamentino di Palazzo dei Priori torna in aula per recuperare il tempo perduto la scorsa settimana.

Annamaria Lupi